Politica
13.09.2018 - 09:480

La rabbia dell'UDC. "Noi in campagna elettorale? Zala lo è contro di noi"

Il partito è furibondo per il servizio di ieri sull'analisi della votazione del progetto fiscale e risanamento dell'AVS. "Chiediamo alla RSI una presa di posizione"

BERNA – La rabbia dell’UDC verso la RSI, in particolare verso il giornalista Nicola Zala. Il tema è quello dell’analisi sulla votazione del progetto fiscale e risanamento dell’AVS votato dal Consiglio nazionale, che per i democentristi “si è distinto per il commento politico strumentale, sprezzante e tendenzioso”.

“Se il servizio del giornalista Pietro Bernaschina è stato certamente equilibrato, all’altezza del servizio pubblico, il Signor Zala al contrario si è scagliato con delle invettive partigiane e diffamatorie nei confronti dell’UDC che non hanno mancato di sollevare reazioni sdegnate”, prosegue la nota di Piero Marchesi e Marco Chiesa.

Cosa non è piaciuto? “Da parte sua non è stata spesa alcuna parola sui motivi che hanno portato l’UDC a chiedere il rinvio in commissione del messaggio in esame, nulla neppure sul voto terminato 101 a 93 per separare il pacchetto e il silenzio totale sulle dichiarazioni in aula di Magdalena Martullo - Blocher in merito ai motivi che hanno fatto si che votasse in maniera convinta contro il progetto (vedi la chiarissima risposta a Luscher). Abbiamo solo assistito, al contrario, ad un attacco denigratorio contro la vicepresidente dell’UDC Svizzera”.

“Il Signor Zala si è inoltre distinto per aver ben pensato di sottacere che questo progetto approvato non fosse quello del Consigliere federale Maurer ma del Consiglio degli Stati, già autore del fallimentare progetto sulla riforma della previdenza 2020, cercando inoltre di pretestuosamente alimentare una divisione tra il Consigliere federale e il suo partito. Il nulla infine sul maltrattamento della democrazia diretta e sull’impossibilita dei cittadini a potersi esprimersi separatamente sui due oggetti. Motivo alla base del rifiuto UDC, ma forse non molto importante per il commentatore a cui probabilmente non sta a cuore la nostra democrazia diretta”, spiega il partito.

“In buona sostanza il servizio del Signor Zala è inscrivibile unicamente nell’ottica di danneggiare la serietà e la buonafede di un partito tramite la strumentalizzazione dei fatti e la descrizione romanzata della sua avversità nei confronti dell’UDC. Zala conclude che l’UDC è già in campagna per le prossime elezioni federali, noi abbiamo l’impressione che alcuni Signori alla Zala siano già in campagna contro l’UDC”, conclude.

E l’UDC ora vuole una risposta dalla RSI. “Chiediamo infine una presa di posizione da parte della dirigenza di RSI perché non siamo disposti ad accettare queste derive del servizio pubblico”.

Tags
udc
progetto
servizio
partito
campagna
rsi
rabbia
signor zala
signor
© 2019 , All rights reserved