Lugano
0
Friborgo
0
1. tempo
(0-0)
Langnau
0
Zurigo
0
1. tempo
(0-0)
Zugo
0
Bienne
0
1. tempo
(0-0)
Ambrì
0
Losanna
0
1. tempo
(0-0)
Davos
0
Lakers
0
1. tempo
(0-0)
La Chaux de Fonds
0
Turgovia
0
1. tempo
(0-0)
Olten
0
Ajoie
1
1. tempo
(0-1)
Kloten
1
GCK Lions
0
1. tempo
(1-0)
Ticino Rockets
Winterthur
20:00
 
Langenthal
Visp
20:00
 
Lugano
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Friborgo
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Langnau
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Zurigo
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Zugo
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Bienne
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Ambrì
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Losanna
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Davos
LNA
0 - 0
1. tempo
0-0
Lakers
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
La Chaux de Fonds
LNB
0 - 0
1. tempo
0-0
Turgovia
0-0
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Olten
LNB
0 - 1
1. tempo
0-1
Ajoie
0-1
 
 
2'
0-1
0-1 2'
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Kloten
LNB
1 - 0
1. tempo
1-0
GCK Lions
1-0
1-0 METTLER
3'
 
 
3' 1-0 METTLER
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Ticino Rockets
LNB
0 - 0
20:00
Winterthur
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Langenthal
LNB
0 - 0
20:00
Visp
Ultimo aggiornamento: 18.01.2019 19:52
Politica
20.12.2018 - 17:390
Aggiornamento 18:30

"Caro Gesù Bambino". Il Natale di Dell'Ambrogio tra Trump, Prima i nostri e Salvini

"Vorrei un giocattolo, fatto da un artigiano, meglio se indigeno, con materiale riciclato e riciclabile. Ma soprattutto vorrei che si pensasse più con la testa che con la pancia"

 

di Mauro Dell'Ambrogio*

Caro Gesù Bambino

Non voglio un regalo fabbricato in un’industria cinese. Non perché io speri, come Trump, di riportare quei posti da lavoro da noi: avremmo bisogno dei Messicani per occuparli, visto che chi è nato in Europa, piuttosto della catena di montaggio, vuole il reddito di nulla facente. 

Mi piacerebbe invece un giocattolo fatto da un artigiano, con materiale riciclato e riciclabile. Meglio se l’artigiano è indigeno: il Prima i Nostri è un principio etico condivisibile, finché non diventa strumento illiberale di caccia alle streghe e di eccessi burocratici a vuoto, tipo LIA. 

Ma non ho preclusioni se il giocattolo è fatto da artigiani indigeni d’altre parti del mondo. Meglio aiutarli così che mandare loro esperti di aiuto allo sviluppo, con i loro precetti di sinistra che non funzionano. 

Ma il regalo che più vorrei non è materiale e non è per me solo. 

Vorrei che la gente pensasse più con la testa che con la pancia. Non che la pancia non sia importate: prima il cibo e poi la morale (Brecht). Ma una società che soffre più di obesità che di inedia, affamata semmai di opportunità di ascesa sociale, non dovrebbe farsi incantare dalle sirene che solleticano le pance con l’invidia e le paure. 

L’invidia verso chi si dà da fare e ha perciò successo. Le paure del diverso, della concorrenza, del mondo che cambia. Come se il nostro benessere non fosse dovuto ad antenati che si sono dati da fare, si sono esposti al mondo, anche migrando.

Che hanno avuto fiducia in sé, non nel Salvini di turno. Scusami se chiedo tanto.

*ex segretario di Stato per la formazione, la ricerca e l'innovazione

Tags
bambino
pancia
gesù
gesù bambino
giocattolo
artigiano
giocattolo fatto
caro gesù bambino
caro gesù
ambrogio
© 2019 , All rights reserved