WAS Capitals
4
ANA Ducks
1
3. tempo
(1-0 : 2-0 : 1-1)
ARI Coyotes
2
LA Kings
0
1. tempo
(2-0)
WAS Capitals
NHL
4 - 1
3. tempo
1-0
2-0
1-1
ANA Ducks
1-0
2-0
1-1
1-0 PANIK
1'
 
 
2-0 OVECHKIN
27'
 
 
3-0 STEPHENSON
40'
 
 
4-0 VRANA
46'
 
 
 
 
54'
4-1 STEEL
1' 1-0 PANIK
27' 2-0 OVECHKIN
40' 3-0 STEPHENSON
46' 4-0 VRANA
STEEL 4-1 54'
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 19.11.2019 03:34
ARI Coyotes
NHL
2 - 0
1. tempo
2-0
LA Kings
2-0
1-0 GARLAND
4'
 
 
2-0 STEPAN
15'
 
 
4' 1-0 GARLAND
15' 2-0 STEPAN
Start delayed.
Ultimo aggiornamento: 19.11.2019 03:34
Elezioni 2019
21.10.2019 - 11:300

Caratti: "Ghiggia un petardo bagnato, la congiunzione ha dato poco al PLR. E chi comanda in casa Lega?"

L'analisi del direttore de La Regione: "Marco Chiesa è stato più coerente del collega leghista parlando di preferenza indigena ed è stato premiato. Un insegnamento, guardando gli sconfitti, è che si premia l'originale e non le copie dell'ultima ora"

BELLINZONA – I Verdi ora rischiano di destabilizzare la formula magica volendo entrare in Consiglio Federale, le svolte ecologiste dell’ultimo minuto non sono state premiate, la congiunzione PLR-PPD ha dato meno di quanto ci si aspettava e nella Lega si apre un profondo problema: questa in sostanza l’analisi del direttore de La Regione Matteo Caratti sulle elezioni di ieri.

“L’effetto Greta c’è stato davvero, dirompente, non solo nelle piazze e nei sondaggi, ma pure alle urne, provocando un’avanzata senza precedenti dei Verdi (anche a scapito del Pss) e, nell’area borghese, dei Verdi liberali. Avanzata che a Berna ha già acceso la miccia del dibattito attorno all’attuale formula magica. Nel mirino dei vincitori, che già rivendicano un seggio tutto verde in governo, una delle due poltronissime liberali”, inizia, partendo dalla stanza dei bottoni.

“L’onda lunga della difesa dell’ambiente si è fatta sentire anche sul piano cantonale portando la Greta ticinese dritta a Berna con un risultato eccellente. Segno che, anche al Sud delle Alpi, la voglia di una nuova politica ambientale ha fatto breccia grazie a volti più credibili rispetto a prima (era Savoia) e a politici capaci di tessere alleanze”, prosegue Caratti, che ammonisce: “Altro insegnamento, guardando poi agli sconfitti, è che si premia l’originale e non le copie dell’ultima ora”.

Per quanto concerne la congiunzione di centro: “Più male che bene sembra aver fatto al partito di Bixio Caprara l’alleanza pragmatica col PPD, visto il successo di Filippo Lombardi nella prima tornata per gli Stati e il risultato particolarmente insoddisfacente di Giovanni Merlini. L’alleanza – che ha salvato un seggio nel PPD – non doveva servire anche a sostenere sul fronte PLR roprio Giovanni Merlini agli Stati? Segno che una parte dei liberali non si è recata alle urne (insoddisfatta dell’accordo Dadò-Caprara?) e che dal PPD è arrivato meno di quanto si credeva”.

La Regione in campagna elettorale ha parlato parecchio dei dipendenti frontalieri di Battista Ghiggia, e il commento è che “si è dimostrato essere poco più di un petardo bagnato. Visto il suo comportamento nell’assunzione di segretarie frontaliere non poteva essere altrimenti, tant’è che è stato stra-favorito Marco Chiesa, più coerente quando parla di preferenza indigena”.

In casa Lega ora c’è un serio problema, ovvero il futuro. “Per la Lega dei colonnelli, partito di maggioranza relativa, si pone grosso un problema: oltre a quello della credibilità, anche quello del saper individuare i temi che stanno a cuore al suo elettorato (quello classico dei bilaterali non era fra le preoccupazioni numero uno di questa campagna). Anche inascoltato in seno al movimento il monito di qualche settimana fa di Bignasca jr: questa Lega non sarebbe piaciuta al Nano! Già, ecco la conferma... E in conclusione una domanda che resta senza risposta: chi comanda davvero in via Monte Boglia?”.

Adesso si va verso il ballottaggio, e Caratti si chiede chi sosterrà chi, come saranno le varie alleanze.

Potrebbe interessarti anche
Tags
ora
congiunzione
petardo
casa lega
petardo bagnato
lega
casa
plr
insegnamento
sconfitti
© 2019 , All rights reserved