Politica
15.07.2020 - 19:020

Cavalli: "A Isone omicidio di stato". Marchesi: "Sei un uomo molto piccolo"

Dopo il battibecco a distanza tra GISO e Generazione Giovani, le parole del medico fanno infuriare il presidente dell'UDC. Attorno alla morte del giovane continuano le polemiche politiche

BELLINZONA - Quando si parla di esercito, spesso è un tutti contro tutti, tra chi desidera che venga mantenuto il sistema attuale di milizia e chi vorrebbe abolirlo, segnatamente la sinistra. Abbiamo riferito, vedi correlati, della presa di posizione della GISO e delle pesanti critiche che Generazione Giovani PPD ha rivolto ai 'coetanei' socialisti. Ma volano gli stracci anche tra Franco Cavalli e Piero Marchesi.

Tanto per cominciare, il medico usa parole pesantissime. "Da 50 anni mi batto, se necessario giorno e notte, per salvare vite umane. La morte insensata di una giovane recluta ventunenne perciò mi sconvolge", scrive, usando un termine che è un macigno: "In fondo un omicidio di stato per un esercito che da molto tempo ha perso ogni giustificazione".

Un termine che non va giù a Piero Marchesi, presidente dell'UDC, soprattutto in una circostanza simile. "Utilizzare una morte tragica per combattere l’esercito è semplicemente squallido e da poverini. In questi momenti le uniche parole devono essere quelle di cordoglio per la sfortunata famiglia", afferma. E anche lui va giù duro: "Cavalli, un grande professionista, ma un uomo molto piccolo".

© 2020 , All rights reserved