Risultati
21.07.2019
Super League
Young Boys
 1 - 1 
fine
1-1
Servette
Zurigo
 0 - 4 
fine
0-3
Lugano
Challenge League
SC Kriens
 1 - 0 
fine
1-0
Vaduz
 
26.07.2019
Challenge League
Wil
  
20:00
Grasshopper
 
27.07.2019
Super League
Basilea
  
19:00
S.Gallo
Servette
  
19:00
Sion
 
06.08.2019
Champions UEFA
CFR 1907 CLUJ-MACCABI TEL
  
19:00
CELTIC-KALJU NOMME
SUTJESKA-APOEL
  
19:00
DUNDALK-QARABAG
Paok
  
19:00
Ajax
FC SABURTALO-DINAMO ZAGREB
  
19:00
FERENCVAROSI TC-VALLETTA
CRVENA ZVEZDA-HJK HELSINKI
  
19:00
THE NEW SAINTS-FC COPENHAG
MARIBOR-AIK
  
19:00
BATE BORISOV-ROSENBORG
ISTANBUL BASAKSEHIR
  
19:00
VIKTORIA PLZ-OLYMPIAKOS P.
Krasnodar
  
19:00
FC Porto
Club Brugge
  
19:00
Dynamo Kiev
PSV-FC BASEL 1893
  
19:00
LASK LINZ
 
ULTIME NOTIZIE Sport
Sport
23.07.2018 - 16:000

Oezil e l'integrazione, "tedesco quando solo quando si vince... lascio!"

La decisione del calciatore, dopo la foto con Erdogan, di non giocare più in Nazionale, tocca polemiche simili a quelle che hanno toccato la Svizzera

BERLINO – Una polemica che potrebbe risuonare in Svizzera: non vengo considerato abbastanza tedesco e così lascio la Nazionale. Mesut Oezil getta la spugna e lascia la Mannschaft, ovvero la Nazionale tedesca.


"Sono tedesco quando vinciamo e immigrato quando perdiamo. Questo perché nonostante pago le tasse in Germania, ho fatto diverse donazioni alle scuole tedesche e vinto la coppa del mondo 2014 con la Germania, non sono ancora accettato nella società. Ci sono dei criteri per essere pienamente tedesco che non ho? Forse perché sono turco? O perché sono mussulmano? Essere definito turco-tedesco vuol dire distinguere persone con famiglie da più paesi. Io sono nato e cresciuto in Germania, quindi perché la gente non accetta che sono tedesco? Sono trattato come uno diverso. Ho due cuori, uno tedesco e uno turco. Durante la mia infanzia mia madre mi ha trasmesso il valore del rispetto, chiedendomi di non dimenticare le mie origini”, scrive.


Il tutto è partito da una foto, con Erdogan, presidente turco, prima del Mondiale. “Per me non aveva importanza che fosse il presidente turco o quello tedesco, perché mi sarei comportato allo stesso modo. Quando Matthäus ha incontrato Putin non si è gridato allo scandalo. Perché la federazione chiede a me di spiegare il caso Erdogan e non ha chiesto alla Mercedes, suo sponsor, di prendere posizione sullo scandalo emissioni? Per me la foto con Erdogan non era propaganda, ma è stata usata per fare propaganda destrorsa. Non si criticavano le mie prestazioni ma il mio legame con le mie radici. Hanno usato la foto per mettere la Germania contro di me”.


E allora lascia, sentendosi ingiustamente vittima di razzismo, dicendo che si è dimenticato quanto di buono ha fatto per la Nazionale nei suoi anni di carriera


Un tema che non lascia indifferenti in Svizzera, dove diverse persone non si riconoscono nella Nazionale che ha diversi naturalizzati, accusandoli di non cantare l’inno. Le polemiche sono esplose dopo i gesti delle aquile, compreso quello in vacanza di Xhaka.


Si vuole andare nella direzione di Oezil? Il suo è lo sfogo e l’addio di un calciatore, di un ragazzo, ferito. Farà scuola? È davvero quello che si desidera? Domande sull’integrazione che anche per il calcio sono ormai inevitabili.

Potrebbe interessarti anche
Tags
nazionale
erdogan
germania
oezil
foto
foto erdogan
tedesco quando
svizzera
integrazione
© 2019 , All rights reserved