L'ennesima rapina a un distributore di benzina. Dogane chiuse per cercare i malviventi
Si tratta di due uomini, uno sui 40 anni e uno sui 65. Uno era a viso coperto, il suo complice ha minacciato le dipendenti con un'arma da fuoco, poi sono fuggiti col bottino verso il valico
Mendrisiotto
SAN PIETRO DI STABIO – Dogane, momentaneamente, chiuse, in zona San Pietro di Stabio. Si cercano infatti due rapinatori che hanno preso di mira un distributore di benzina, già visitato in passato dai ladri, riuscendo a fuggire con dei soldi.

Come comunica la Polizia Cantonale, oggi pomeriggio poco dopo le 13.30 due persone, una a viso scoperto e una con viso coperto, sono entrati nel distributore. Il rapinatore a viso scoperto ha minacciato con un'arma da fuoco le dipendenti facendosi consegnare del denaro. Dopodiché sono fuggiti a bordo di un'Audi A2 di colore nero, con alla guida un terzo complice, in direzione del vicino valico.

Non si lamentano feriti.

Le ricerche subito intraprese non hanno dato, finora, esito positivo. Le Guardie di Confine, anche se nel comunicato della Polizia non viene specificato, hanno chiuso temporaneamente le dogane. Si rischia un altro strascico di polemiche, come avvenne per la rapina di Monteggio?

In ogni caso, la Polizia cerca testimoni, e ha diffuso i connotati dei due rapinatori. Uno ha circa 40 anni, capelli lunghi scuri, corporatura snella, indossava una berretta e una sciarpa scura, una giacca a vento rossa con cappuccio, pantaloni jeans blu, scarpe da ginnastica nere con suola bianca.  L’altro invece ha circa 65 anni, capelli grigi scuri, baffi e pizzetto grigi, occhiali da vista, portava un gilet grigio scuro con colletto marrone chiaro e rosso, una camicia a maniche corte a quadretti, jeans blu, scarpe da ginnastica nere con stringhe bianche. Chiunque avesse visto movimenti sospetti, è pregato di chiamare lo 0848 25 55 55.



Pubblicato il 18.04.2017 17:53

Guarda anche

Mendrisiotto
L'idea parte dal presidente distrettuale del partito liberale, Alberto Valli, che ha già parlato con il sindaco di Chiasso e con diversi municipali della zona. "Probabilmente farò scrivere una lettera ai deputati momò. I problemi ai treni nascono dalla partnership con la Lombardia, perchè portarli a riparare a Castione?"
Mendrisiotto
L'uomo era entrato nel negozio con il viso scoperto e poi con la refurtiva era fuggito verso il confine. È stato fermato nel corso di un controllo delle Guardie di Confine due giorni fa mentre si trovava su un bus in entrata in Svizzera al valico di Chiasso Brogeda
Mendrisiotto
Forse per un errore del navigatore, ha percorso un tratto di strada pedonale e poi, cercando di sterzare dove è impossibile, è rimasta ferma tra un muro e una piccola scala. Gli agenti della Polizia stanno cercando di capire come può intervenire il carro attrezzi senza eccessivi danni GUARDA LE FOTO
Mendrisiotto
La disavventura è accaduta a un 39enne domiciliato nel Mendrisiotto, che attorno alle 2.20 di questa notte stava andando da Morbio Superiore verso Caneggio. I soccorritori del SAM lo hanno soccorso e portato in ospedale