La profezia del veggente, "fra meno di un mese scoppierà la Terza Guerra Mondiale, e sarà un'Apocalisse nucleare"
Horacio Villegas aveva predetto la salita di Trump, per lui "il re degli illuminati", alla Casa Bianca. Il conflitto inizierebbe esattamente 100 anni dopo l'apparizione della Madonna a Fatima, la quale aveva detto...
Estero
NEW YORK – La terza guerra mondiale scoppierà tra il 13 maggio e il 13 ottobre 2017.

In molti, dopo gli attacchi chimici alla Siria, la reazione dell’America e la cosiddetta bomba madre lanciata in Afghanistan, oltre alle dichiarazioni incrociate fra i leader di USA, Russia e Corea del Nord, si chiedono se arriverà un terzo conflitto mondiale.

Secondo il veggente Horacio Villegas, autoproclamatosi “il messaggero di Dio”, avverrà di sicuro, e ha anche predetto le date. Insomma, secondo lui potrebbe mancare meno di un mese.

Di profezie, negli anni, se ne sono sentite molte, e chi è razionale fatica a crederci. Basti pensare a quella dei Maya sulla fine del mondo, che alla fine, dopo essere stata ripetuta fino alla nausea, probabilmente aveva inquietato un po’ tutti. I Simpson, mettendola sul ridere, hanno azzeccato più di tutti, avendo immaginato Trump alla Casa Bianca anni fa.

L’elezione del tycoon fu però predetta anche da Villegas, secondo cui Trump è “il re illuminato” che porterà il mondo alla guerra. Essa, ha dichiarato al Daily Star, porterà devastazione, sconvolgimenti e morte", addirittura all’Apocalisse Nucleare. A suo avviso, l’attacco chimico alla Siria è stato in  realtà orchestrato dagli americani per avere il pretesto di attaccare Assas

Ma chi è questo Villegas?  È un veggente cattolico, texano, autore di 12 libri.

Il conflitto, dunque, secondo il texano, scoppierà a 100 anni esatti dall’apparizione della Madonna a Fatima. La profezia gli sarebbe arrivata in sogno, con gente di tutti i paesi del mondo che correvano per nascondersi. I llegame col Lourdes sta anche nel fatto che, secondo Villegas, la Madonna aveva predetto anche che la Russia avrebbe diffuso per il mondo i suoi errori, la Chiesa sarebbe stata perseguitata, molte nazioni sarebbero state annientate e il Santo padre avrebbe sofferto molto, oltre che dire che la guerra in corso in quel momento (la Prima Guerra Mondiale) sarebbe finita a breve col ritorno a casa dei soldati, cosa che poi avvenne.

C’è da augurarsi che il sogno del veggente sia stato ingannevole, e che l’aver azzeccato la salita di Trump alla Casa Bianca sia stato solo un colpo di fortuna. Anche se certamente, coi tempi che corrono, star tranquilli è difficile.


Pubblicato il 20.04.2017 14:30

Guarda anche

Estero
Per il leghista, "il candidato del nulla se sarà eletto si troverà con una popolarità bassissima e porterà la Francia al caos sociale. I giochi ormai sono già fatti"
Estero
Per il deputato comunista, la sinistra avrebbe dovuto far quadrato attorno a Mélenchon. "La Le Pen nazionalista? Insomma... I ceti lavoratori e popolari la voteranno ma come biasimarli?"
Estero
"Se non si fossero disperse schede votando due candidati minori, ora al ballottaggio con Macron andrebbe Mélenchon", scrive il gruppo di cui fanno parte Franco Cavalli e Enrico Borelli
Estero
Per il Consigliere di Stato, il fatto che sia davanti alla Le Pen è una buona notizia. "La sinistra paga le sue divisioni, auguri per un necessario processo di ripensamento"