Ecco uno dei rapinatori: qualcuno l'ha visto?
La Polizia ha diffuso il volto di uno dei due uomini che hanno rapinato la Tamoil a San Pietro di Stabio. Né lui né il suo complice sono stati trovati, si spera che la foto aiuti a raccogliere informazioni
Mendrisiotto
SAN PIETRO DI STABIO – Non sono ancora stati trovati i due rapinatori, uno a volto coperto e uno scoperto, che hanno rapinato per l’ennesima volta il distributore di benzina Tamoil di San Pietro di Stabio. Minacciando i dipendenti con un’arma da fuoco (vedi suggeriti), sono riusciti a fuggire verso il confine con la refurtiva, ma le ricerche sinora sono state vane.

La Polizia ha cosî deciso di rendere noto il volto di un odei due, augurandosi che qualcuno l’abbia visto e possa fornire ulteriori informazioni su di lui e sul suo complice.

Chi avesse notizie, è pregato di contattare la Polizia, recandosi nel posto più vicino, oppure telefonando allo 0848 25 55 55 o inviando una email all'indirizzo [email protected]


Pubblicato il 20.04.2017 14:10

Guarda anche

Mendrisiotto
I soldi sono stati stanziati dal Consiglio Federale (unitamente ad altri 10 milioni per Aarau) nell'ambito del programma "Sviluppo futuro dell'infrastruttura ferroviaria", da attuarsi entro il 2025. Si punta a marciapiedi più lunghi e scambi più veloci
Mendrisiotto
Il giudice Amos Pagnamenta ha descritto un uomo che ha ingannato tutti, tenendo nascosti anche probabilmente i suoi sentimenti verso la cognata: per far sì che lei non dicesse di essere stata colpita con una bottiglia e che il loro rapporto finisse, l'ha uccisa. È assassinio e non omicidio intenzionale
Mendrisiotto
Il legale che difende Egli vuole che l'accusa di assassinio divenga di omicidio intenzionale: non ci sarebbe stata mancanza di scrupoli e nemmeno premeditazione. Era andato da lei non per ucciderla ma per vederla e trascorrere del tempo assieme, portandole un regalo, l'unico modo che conosceva
Mendrisiotto
Parole durissime contro Michele Egli, assassino della cognata che lo definiva "una delle cose più belle che ci sono accadute". Il perito psichiatrico parlava dello stress di vedere una persona diversa da quella idealizzata, per l'avvocato "una patologia non giustifica". Nei giorni successivi, tenne relazioni virtuali e guardò un porno