Ancora terrore, questa volta a Parigi. Un uomo noto alle forze dell'ordine scrive "voglio uccidere dei poliziotti", nella sparatoria morto un agente
C'è stata una sparatoria sugli Champs-Elysées. L'attentatore è stato ucciso, si cerca un suo complice con cui è arrivato in auto
Estero
PARIGI – Torna, ancora una volta, l’incubo terrorismo, e colpisce la Francia. Un poliziotto e l’attentatore sono deceduti, due agenti sono rimasti feriti in modo grave.

Il tutto è avvenuto attorno alle 21.00. Sui celebri Champs-Elysées.c’è stato uno scontro a fuoco: a sparare per primo sarebbe stato un uomo poi ucciso dalla Polizia. Secondo le prime informazioni, si tratta di una persona già nota alle forze dell’ordine per terrorismo.

C’è anche un complice, che è fuggito facendo perdere le sue tracce. Al momento, è ricercato. I due sono arrivati sul posto in auto e immediatamente l’uomo deceduto, appena sceso dalla vettura, ha cominciato a sparare contro un camioncino della Polizia.

Gli Champs-Elysées sono stati evacuati ed è stato chiesto ai cittadini di non recarsi in zona.

L’attentatore avrebbe addirittura preannunciato tramite Telegram (utilizzato spesso da militanti ISIS) il gesto, scrivendo: “voglio uccidere dei poliziotti”.

Nel frattempo è in corso una perquisizione nella casa dell’uomo, a est di Parigi.


Pubblicato il 20.04.2017 22:49

Guarda anche

Estero
Il Mattino ritorna attaccando la nuova linea ferroviaria. Zali smorza i toni chiedendo tempo, mentre Caverzasio e Robbiani attaccano "collegamenti soppressi e ritardi, inconcepibile. Difficile far peggio". Tutti citano i Park and Rail, sarebbero realmente la soluzione?
Estero
I giovani UDC hanno risposto con parole poco carine (per usare un eufemismo) alla petizione della GISO, attaccando Tamara Funiciello. Oggi il presidente degli Stati Uniti è tuonato contro Haiti, El Salvador e alcuni paesi africani. Insomma, quando parla il Tycoon o si parla di lui, il linguaggio cambia...
Estero
"Rappresenta sessismo, xenofobia, preclusione, negazione dei cambiamenti climatici e politiche economiche arretrate, è una minaccia per il progresso, per la sicurezza e per l'ambiente", si legge in una petizione oline che vorrebbe chiedere al Consiglio Federale di non farlo partecipare al Forum di Davos
Estero
Pochi passeggeri, saliti prevalentemente a Stabio, sulla nuova linea che collega Ticino e Lombardia. Ma qualcosa è andato storto: il convoglio delle 7.07 è partito da Camerlata con 57 minuti di ritardo, quello delle 8.06 da Varese è stato cancellato. Alla TILO sono però soddisfatti