Ancora terrore, questa volta a Parigi. Un uomo noto alle forze dell'ordine scrive "voglio uccidere dei poliziotti", nella sparatoria morto un agente
C'è stata una sparatoria sugli Champs-Elysées. L'attentatore è stato ucciso, si cerca un suo complice con cui è arrivato in auto
Estero
PARIGI – Torna, ancora una volta, l’incubo terrorismo, e colpisce la Francia. Un poliziotto e l’attentatore sono deceduti, due agenti sono rimasti feriti in modo grave.

Il tutto è avvenuto attorno alle 21.00. Sui celebri Champs-Elysées.c’è stato uno scontro a fuoco: a sparare per primo sarebbe stato un uomo poi ucciso dalla Polizia. Secondo le prime informazioni, si tratta di una persona già nota alle forze dell’ordine per terrorismo.

C’è anche un complice, che è fuggito facendo perdere le sue tracce. Al momento, è ricercato. I due sono arrivati sul posto in auto e immediatamente l’uomo deceduto, appena sceso dalla vettura, ha cominciato a sparare contro un camioncino della Polizia.

Gli Champs-Elysées sono stati evacuati ed è stato chiesto ai cittadini di non recarsi in zona.

L’attentatore avrebbe addirittura preannunciato tramite Telegram (utilizzato spesso da militanti ISIS) il gesto, scrivendo: “voglio uccidere dei poliziotti”.

Nel frattempo è in corso una perquisizione nella casa dell’uomo, a est di Parigi.


Pubblicato il 20.04.2017 22:49

Guarda anche

Estero
Il noto politologo analizza con noi i risultati in Lombardia, Veneto e Catalogna. "Significano che non c'è più un consenso politico unanime né a livello regionale né a livello nazionale. Ciò che accomuna le situazioni è la politicizzazione dell'identità in nome del benessere economico"
Estero
Forza Italia sta raccogliendo firme per far sì che le due province lascino il Piemonte e diventino lombarde, Maroni sarebbe pronto ad accoglierle. Chiamparino, "le istituzioni non devono dar seguito a iniziative minoritarie". Ma non è la prima volta che una zona italiana parla di Svizzera...
Estero
Il Governatore Luca Zaia non vuole essere uno stato a sé e si ispira al nostro Paese. "Con un referendum a cui diranno sì tutti i partiti. andrò a Roma con la forza del popolo alle spalle. Vorrei più Stato dove ci vuole più Stato, meno stato dove ce ne vuole di meno. Ma niente scontri"
Estero
Nel fine settimana si vota per l'autonomia, che non è assolutamente l'indipendenza. Ma un media ha fatto la domanda ai milanesi. "Siamo una delle Regioni più volute economicamente, ci starebbe". "Magari meglio a statuto speciale...". "Dopo quello che è successo in Spagna, non saprei"