Ancora terrore, questa volta a Parigi. Un uomo noto alle forze dell'ordine scrive "voglio uccidere dei poliziotti", nella sparatoria morto un agente
C'è stata una sparatoria sugli Champs-Elysées. L'attentatore è stato ucciso, si cerca un suo complice con cui è arrivato in auto
Estero
PARIGI – Torna, ancora una volta, l’incubo terrorismo, e colpisce la Francia. Un poliziotto e l’attentatore sono deceduti, due agenti sono rimasti feriti in modo grave.

Il tutto è avvenuto attorno alle 21.00. Sui celebri Champs-Elysées.c’è stato uno scontro a fuoco: a sparare per primo sarebbe stato un uomo poi ucciso dalla Polizia. Secondo le prime informazioni, si tratta di una persona già nota alle forze dell’ordine per terrorismo.

C’è anche un complice, che è fuggito facendo perdere le sue tracce. Al momento, è ricercato. I due sono arrivati sul posto in auto e immediatamente l’uomo deceduto, appena sceso dalla vettura, ha cominciato a sparare contro un camioncino della Polizia.

Gli Champs-Elysées sono stati evacuati ed è stato chiesto ai cittadini di non recarsi in zona.

L’attentatore avrebbe addirittura preannunciato tramite Telegram (utilizzato spesso da militanti ISIS) il gesto, scrivendo: “voglio uccidere dei poliziotti”.

Nel frattempo è in corso una perquisizione nella casa dell’uomo, a est di Parigi.


Pubblicato il 20.04.2017 22:49

Guarda anche

Estero
Per il leghista, "il candidato del nulla se sarà eletto si troverà con una popolarità bassissima e porterà la Francia al caos sociale. I giochi ormai sono già fatti"
Estero
Per il deputato comunista, la sinistra avrebbe dovuto far quadrato attorno a Mélenchon. "La Le Pen nazionalista? Insomma... I ceti lavoratori e popolari la voteranno ma come biasimarli?"
Estero
"Se non si fossero disperse schede votando due candidati minori, ora al ballottaggio con Macron andrebbe Mélenchon", scrive il gruppo di cui fanno parte Franco Cavalli e Enrico Borelli
Estero
Per il Consigliere di Stato, il fatto che sia davanti alla Le Pen è una buona notizia. "La sinistra paga le sue divisioni, auguri per un necessario processo di ripensamento"