La sostenibilità aziendale: un concetto che unisce molte imprese
In un convegno a Stabio, si è discusso il tema. In particolare, alcune aziende hanno eposto le loro esperienze: per la Hugo Boss alcuni problemi arrivano dall'Oriente Asiatico e dal Bangladesh...
Oltre l'economia
Resoconto dell’evento “Responsabilità sociale d’impresa e strategia aziendale” organizzato dalla Cc-Ti e tenutosi lo scorso 11 maggio 2017 presso Rapelli SA di Stabio.

STABIO - La responsabilità sociale delle imprese è un concetto ampio che integra anche aspetti economici ed ambientali. Tre rappresentanti rispettivamente dei settori fashion, alimentare e dell’analisi ambientale hanno esposto le loro strategie per mantenere un equilibrio tra tali esigenze. E questo sforzo funge anche da incentivo per l’innovazione.

Le ditte rappresentate dalla Camera di commercio, industria, artigianato e servizi del Cantone Ticino dedicano particolare attenzione agli aspetti sociali ed ambientali, senza dimenticare però il compito primario della sostenibilità economica. Con queste parole ha aperto Glauco Martinetti, presidente della Cc-Ti, il convegno sul tema responsabilità sociale d’impresa e strategia aziendale, il quale si è svolto negli spazi della Rapelli SA il cui CEO è proprio Glauco Martinetti.

Per Hugo Boss Ticino SA, azienda attiva nel settore fashion, la sostenibilità implica sia responsabilità sociale sia quella ambientale, ha spiegato Heinz Zeller, Head of Sustainability and Logistics dell’azienda tedesca con una sede svizzera a Coldrerio. Hugo Boss offre lavoro a circa 14‘000 impiegati in tutto il mondo, di cui 380 in Ticino. In merito ai collaboratori e al loro profilo Heinz Zeller constata un aumento rimarchevole della necessità di avere dipendenti che abbiano un profilo da creativi, da tecnici e di gestione, mentre stanno diminuendo coloro che lavorano nella produzione stessa. Questa negli ultimi dieci anni si è delocalizzata sempre di più dalla Germania, Zurigo e il Ticino verso l’Oriente ed il Sudamerica.

Impedire lo sfruttamento del lavoro
Ma proprio nell’Oriente asiatico vengono riscontrate incertezze legali che concernono il personale da diversi punti di vista. Soprattutto nell’ambito dello sportswear si constatava, soprattutto negli anni 80 e 90, per esempio lavoro minorile o forzato. Sono nate quindi delle iniziative sociali dove partecipa anche Hugo Boss, con lo scopo di impedire lo sfruttamento del lavoro.

Ma quella appena citata non è l’unica incognita nella produzione in certe nazioni: in Bangladesh per esempio mancavano delle precauzioni contro possibili incendi nelle fabbriche o delle misure per proteggere la salute dei lavoratori (precauzioni che ora esistono grazie ad esempio al “Bangladesh Accord”). Quindi Hugo Boss e altre aziende del comparto della moda hanno preso delle precauzioni a riguardo.

Ma non solo misure a tutela dei collaboratori , anche i „fiumi colorati“ danno nell’occhio: insieme ad altre aziende ed organizzazioni ambientali sono stati creati dei programmi per evitare che i prodotti chimici portassero ad un inquinamento delle acque.

Tutti gli aspetti menzionati incidono molto anche nell’ambito dell‘innovazione. Infatti la coscienza verso la sostenibilità è in forte crescita anche nel grande pubblico, è quindi importante anticipare le tendenze e le necessità generali, anche per (ma non solo) suscitare dell’interesse in nuovi potenziali clienti.
Questo risulta essere uno stimolo per l’azienda e per il suo impegno a riguardo dell‘innovazione aziendale. E così la sostenibilità si posiziona al centro della strategia dell‘azienda, trovando un buon equilibrio fra le richieste economiche, sociali ed ambientali.

Continua a leggere

http://www.cc-ti.ch/resoconto-dellevento-responsabilita-sociale-dimpresa-e-strategia-aziendale/



Pubblicato il 17.05.2017 17:00

Guarda anche

Oltre l'economia
Il Direttore della Camera di Commercio spiega come sovente dei fenomeni innovativi provochino timore, se non approfonditi. L'industria non sta finendo bensì è in trasformazione, sta diventando un servizio, come dice Pierre Veltz
Oltre l'economia
Professioni quali falegname, muratore, lattoniere, elettricista e altre sono ritenute meno qualificate di altre nell'immaginario collettivo. Il direttore della Camera di Commercio spiega che...
Oltre l'economia
10mila aziende e 35mila collaboratori full time per uno, 3'700 aziende e 12mila impieghi a tempo pieno per l'altro: senza dimenticare le imposte...
Oltre l'economia
Il presidente della Camera di Commercio Ticinese è intervenuto all'assemblea della Camera ticinese dell'economia fondiaria (CATEF). Ecco cos'ha detto