Ma quale economia a basso valore aggiunto e debole! Le attività artigianali in Ticino si sono molto evolute negli ultimi anni
Professioni quali falegname, muratore, lattoniere, elettricista e altre sono ritenute meno qualificate di altre nell'immaginario collettivo. Il direttore della Camera di Commercio spiega che...
Oltre l'economia
BELLINZONA - Il centesimo anniversario della nascita della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del cantone Ticino è un’occasione importante per ribadire il valore del nostro tessuto economico, molto diversificato e composto da innumerevoli realtà dinamiche e interessanti, checché ne dicano coloro che si ostinano a parlare di economia a basso valore aggiunto e debole.

Non si spiegherebbe altrimenti l’andamento economico cantonale di segno positivo malgrado tre grandi crisi nello spazio di pochi anni (crisi finanziaria nel 2008 e crisi dovute al franco forte rispettivamente all’euro debole nel 2011 e nel 2015).

Ogni ramo economico contribuisce a suo modo al benessere generale.

Uno a volte negletto e poco considerato è quello dell’edilizia dell’artigianato, attività storiche della nostra realtà economica, ma le cui professioni non sempre godono della giusta considerazione sociale.

Nell’immaginario collettivo infatti i mestieri legati a questi rami economici non vengono sempre percepiti per il loro giusto valore. Il muratore, l’elettricista, il lattoniere, il falegname, il piastrellista, il panettiere ecc. sono troppo spesso a torto considerate attività meno qualificate di altre.

Al di là del valore intrinseco del lavoro definito “manuale”, l’evoluzione delle professioni artigianali è stata impressionante in termini di necessità di conoscenze specifiche e sempre più variegate.

Si parla molto ad esempio della trasformazione digitale, pensando erroneamente che sia roba riservata magari alla NASA… 

Continua a leggere il testo di Luca Albertoni, Direttore Cc-Ti:  http://www.cc-ti.ch/attenzione-alle-professioni-sottovalutate/


Pubblicato il 28.06.2017 11:00

Guarda anche

Oltre l'economia
"Invece vi sono dal commercio ai servizi sanitari", precisa il direttore della Camera di Commercio del Ticino. "E bisognerebbe tenerne conto quando si affrontano temi delicati quali per esempio il frontalierato. La lettura del meta-settore è difficile, ma..."
Oltre l'economia
Il Direttore della Camera di Commercio spiega come sovente dei fenomeni innovativi provochino timore, se non approfonditi. L'industria non sta finendo bensì è in trasformazione, sta diventando un servizio, come dice Pierre Veltz
Oltre l'economia
10mila aziende e 35mila collaboratori full time per uno, 3'700 aziende e 12mila impieghi a tempo pieno per l'altro: senza dimenticare le imposte...
Oltre l'economia
Il presidente della Camera di Commercio Ticinese è intervenuto all'assemblea della Camera ticinese dell'economia fondiaria (CATEF). Ecco cos'ha detto