Ma quale economia a basso valore aggiunto e debole! Le attività artigianali in Ticino si sono molto evolute negli ultimi anni
Professioni quali falegname, muratore, lattoniere, elettricista e altre sono ritenute meno qualificate di altre nell'immaginario collettivo. Il direttore della Camera di Commercio spiega che...
Oltre l'economia
BELLINZONA - Il centesimo anniversario della nascita della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del cantone Ticino è un’occasione importante per ribadire il valore del nostro tessuto economico, molto diversificato e composto da innumerevoli realtà dinamiche e interessanti, checché ne dicano coloro che si ostinano a parlare di economia a basso valore aggiunto e debole.

Non si spiegherebbe altrimenti l’andamento economico cantonale di segno positivo malgrado tre grandi crisi nello spazio di pochi anni (crisi finanziaria nel 2008 e crisi dovute al franco forte rispettivamente all’euro debole nel 2011 e nel 2015).

Ogni ramo economico contribuisce a suo modo al benessere generale.

Uno a volte negletto e poco considerato è quello dell’edilizia dell’artigianato, attività storiche della nostra realtà economica, ma le cui professioni non sempre godono della giusta considerazione sociale.

Nell’immaginario collettivo infatti i mestieri legati a questi rami economici non vengono sempre percepiti per il loro giusto valore. Il muratore, l’elettricista, il lattoniere, il falegname, il piastrellista, il panettiere ecc. sono troppo spesso a torto considerate attività meno qualificate di altre.

Al di là del valore intrinseco del lavoro definito “manuale”, l’evoluzione delle professioni artigianali è stata impressionante in termini di necessità di conoscenze specifiche e sempre più variegate.

Si parla molto ad esempio della trasformazione digitale, pensando erroneamente che sia roba riservata magari alla NASA… 

Continua a leggere il testo di Luca Albertoni, Direttore Cc-Ti:  http://www.cc-ti.ch/attenzione-alle-professioni-sottovalutate/


Pubblicato il 28.06.2017 11:00

Guarda anche

Oltre l'economia
Il Direttore della Camera di Commercio spiega come sovente dei fenomeni innovativi provochino timore, se non approfonditi. L'industria non sta finendo bensì è in trasformazione, sta diventando un servizio, come dice Pierre Veltz
Oltre l'economia
10mila aziende e 35mila collaboratori full time per uno, 3'700 aziende e 12mila impieghi a tempo pieno per l'altro: senza dimenticare le imposte...
Oltre l'economia
Il presidente della Camera di Commercio Ticinese è intervenuto all'assemblea della Camera ticinese dell'economia fondiaria (CATEF). Ecco cos'ha detto
Oltre l'economia
In un convegno a Stabio, si è discusso il tema. In particolare, alcune aziende hanno eposto le loro esperienze: per la Hugo Boss alcuni problemi arrivano dall'Oriente Asiatico e dal Bangladesh...