Stop ai negoziati? "Lo sciopero impedisce il dialogo. Ringraziamento il Governo per la disponibilità, non così i sindacati..."
In un comunicato, la Gestione Governativa Navigazione Laghi, con la Società Navigazione Lago di Lugano, dice la sua: "pronti a discutere dei salari. Ora però ci sarà una pausa di riflessione"
Locarnese
LOCARNO - Dopo gli ultimi sviluppi, ovvero con l'intervento del Consiglio di Stato che ha fornite alcune garanzie, e lo sciopero che però continua a oltranza, ha fatto sentire la sua voce anche l'altra parte in causa, cioè la Gestione Governativa Navigazione Laghi, assieme alla Società Navigazione Lago di Lugano.

E pur apprezzando gli sforzi del Governo, vuole prendere una pausa nei negoziati, ritenendo che lo sciopero, e il comportamento dei sindacati, che lo promuovono, non siano positivi per il buon esito di essi. Uno stop, dunque, in attesa forse che le acque si calmino. Da segnalare che la SNL sembra disposta a discutere riguardo i salari, uno dei nodi della questione.

"Gestione Governativa Navigazione Laghi (GGNL), che comprende la Navigazione Lago Maggiore (NLM), e la Società Navigazione del Lago di Lugano (SNL) salutano con favore i risultati postivi dell’incontro tra il Consiglio di Stato e le organizzazioni sindacali. Le due Concessionarie sostengono il principio della creazione del consorzio che prevede lo sviluppo della navigazione sui laghi Maggiore e Ceresio e condividono la riassunzione della totalità delle maestranze da parte di SNL nel caso il consorzio venga realizzato. Le concessionarie prevedono il mantenimento della Cassa Pensione esistente dopo le dovute verifiche", si legge nella nota.

Una delle preoccupazioni di sindacati e scioperanti era quella legata alla questione salariale, ma anche qui arriva un'apertura: "SNL garantisce le condizioni contrattuali previste dal proprio regolamento aziendale, contratto moderno, tutelante e che rispecchia i parametri di mercato, ma è disponibile ad ogni adeguamento necessario".

" Le Concessionarie apprezzano i notevoli sforzi fatti dal CdS, in modo particolare dal suo Presidente On Bertoli, per trovare una soluzione alla vertenza. SNL e GGNL vogliono nuovamente ribadire la loro disponibilità ed impegno per concorrere ad una soluzione comune".

E fin qui, appunto, tutto bene. "Esse constatano purtroppo come le organizzazioni sindacali non abbiano risposto con altrettanta disponibilità e comprensione riconducendo lo sciopero ad oltranza.  
SNL e GGNL temono che questo atteggiamento non sia propizio al dialogo e men che meno crei i presupposti per la nascita e lo sviluppo del consorzio anzi ciò porta inevitabilmente dei ritardi o potrebbe compromettere la realizzazione del progetto stesso. Alla luce di questa situazione le concessionarie ritengono opportuna una pausa di riflessione in attesa che vi siano le condizioni per riprendere il dialogo con tutte le parti in causa. Dialogo che ad oggi è impedito dallo sciopero ad oltranza dichiarato dalle organizzazioni sindacali".


Pubblicato il 07.07.2017 11:49

Guarda anche

Locarnese
Nelle prossime ore sul Ticino passerà una perturbazione proveniente da ovest/sud-ovest che, sospinta da correnti tempestose, porterà aria marittima umida verso le alpi
Locarnese
Sui social la notizia ha animato dibattiti. Qualcuno si chiede come mai all'interno del locale ci fossero minorenni, e le porte di sicurezza erano chiuse, ma la maggior parte incolpa i giovanissimi, "il divertimento è tutta un'altra cosa". Non manca un tocco di razzismo
Locarnese
L'uomo era consigliere comunale e si è dimesso quando è stato arrestato, mentre la scuola di Canobbio dove lavorava lo ha licenziato. Incastrato a partire da un'operazione addirittura dell'FBI, ha confessato i suoi reati e sta già espiando la pena
Locarnese
Il giovane ha fatto rifornimento a Losone "a scrocco", gli accertamenti hanno fatto emergere che la vettura che guidava era stata rubata il 2 dicembre in Italia. Si tratta di un italiano residente all'estero e senza fissa dimora, è stato preso in uno scantinato