Le novità che fanno paura: conoscerle per comprendere. La deindustrializzazione, per esempio...
Il Direttore della Camera di Commercio spiega come sovente dei fenomeni innovativi provochino timore, se non approfonditi. L'industria non sta finendo bensì è in trasformazione, sta diventando un servizio, come dice Pierre Veltz
Oltre l'economia
di Luca Albertoni*

Della trasformazione digitale già si è detto molto e si continuerà a dire molto per parecchio tempo.

Come è giusto che sia, visto che essa rimette in discussione molti modelli che sembravano acquisiti e crea dinamiche nuove. E si sa che lo sconosciuto spesso fa paura. Reazione umanamente comprensibile e che non deve essere stigmatizzata, ma è al contempo importante non trascurare taluni fatti, indispensabili per evitare di prendere decisioni, soprattutto di ordine politico, avventate perché dettate più dai timori che da una valutazione oggettiva.

Si parla ad esempio molto spesso della deindustrializzazione in Europa, che in realtà è più una trasformazione che una fine vera e propria dell’industria.

Interessante a questo proposito è un libro recentemente pubblicato da Pierre Veltz, sociologo, ingegnere ed economista francese, specialista dell’organizzazione delle aziende e delle dinamiche territoriali. Il libro, intitolato “La société hyper-industrielle” (con il sottotitolo “Le nouveau capitalisme productif”) indica come in realtà non vi sia una regressione dell’industria, ma una profonda trasformazione, soprattutto della sua organizzazione.

La rivoluzione in atto e con la quale dobbiamo confrontarci non concerne tanto l’automatizzazione di taluni compiti lavorativi, quanto piuttosto la connettività derivante dalle reti di comunicazione che agevola ulteriormente la dispersione della produzione in tutto il mondo, l’inclusione dell’utilizzatore nei cicli di produzione e la ricezione costante dei dati di utilizzo grazie alle varie piattaforme di scambio di dati.

Per cui Veltz ritiene che l’industria stia diventando un servizio come gli altri, mentre molti servizi si organizzano secondo criteri industriali, rendendo sempre più difficile la distinzione fra i due rami economici.

È un brevissimo e parziale riassunto, ma fornisce comunque spunti importanti. Cioè che la trasformazione non è per forza negativa, ma permette sviluppi anche impensabili.

Continua a leggere: http://www.cc-ti.ch/trasformazioni-fra-paure-e-realta/

*Direttore Camera di Commercio Ticino


Pubblicato il 10.07.2017 14:00

Guarda anche

Oltre l'economia
Professioni quali falegname, muratore, lattoniere, elettricista e altre sono ritenute meno qualificate di altre nell'immaginario collettivo. Il direttore della Camera di Commercio spiega che...
Oltre l'economia
10mila aziende e 35mila collaboratori full time per uno, 3'700 aziende e 12mila impieghi a tempo pieno per l'altro: senza dimenticare le imposte...
Oltre l'economia
Il presidente della Camera di Commercio Ticinese è intervenuto all'assemblea della Camera ticinese dell'economia fondiaria (CATEF). Ecco cos'ha detto
Oltre l'economia
In un convegno a Stabio, si è discusso il tema. In particolare, alcune aziende hanno eposto le loro esperienze: per la Hugo Boss alcuni problemi arrivano dall'Oriente Asiatico e dal Bangladesh...