Lo sciopero è finito, trovato un accordo
Dalle prime indiscrezioni, parrebbe che i "pirati" saranno reintegrazi, col salario invariato per un anno e un CCL da discutere. Domani in una conferenza stampa sarà svelato qualche dettaglio
Locarnese
LOCARNO - Lieto fine, o almeno una schiarita decisiva che li spingerà a tornare al lavoro, per i "pirati", ovvero i lavoratori della Navigazione Lago Maggiore.

Erano in sciopero dal 25 giugno, contro i 34 licenziamenti che li avrebbero colpiti a fine anno, con la cessazione della copertura della tratta svizzera da parte della NLM. Nascerà probabilmente un consorzio con la Società di Navigazione Lago di Lugano, magari con fondi in parte cantonali (Zali parlava di far rientrare il tratto sotto il cappello del trasporto pubblico).

I dettagli verranno resi noti domani, nel corso di una conferenza stampa prevista per le 11, alla quale parteciperanno una delegazione del Consiglio di Stato, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e del personale svizzero della NLM e una delegazione delle autorità comunali, al Municipio di Locarno.

Le prime indiscrezioni parlano di reintegro, garanzia salariale per un anno e CCL da contrattare. Domani ne sapremo di più.


Pubblicato il 14.07.2017 22:37

Guarda anche

Locarnese
Centinaia di ore di assenza per i quattro, oltre a conclamata inefficienza e insubordinazione. "La manodopera del Comune deve dimostrare alla popolazione che paga di meritare l'impiego e vantaggi che ne derivano". Caratti: "segnale che rende giustizia a chi lavora bene"
Locarnese
Negli ultimi episodi, sono coinvolti giovani dai cui profili social spuntano svastiche e frasi riferite a nazismo e fascismo. Ma la Polizia smorza i toni, mostrando i dati: dopo il picco del 2010, il numero di risse ha oscillato, e da lì solo nel 2013 ce ne sono state meno di quest'anno
Locarnese
Un annuncio pubblicato su tutti.ch richiede obbligatoriamente "il domicilio in provincia di Locarno (Locarnese)". Un simpatico lapsus che a qualche utente social ha fatto chiedere se ci si è persi una riforma. Niente paura, non è cambiato nulla: e per chi è interessato al lavoro, ci sono i recapiti
Locarnese
La Polizia Cantonale ha svolto un controllo ieri nel Locarnese, su 26 persone e 12 esercizi pubblici. I risultati non sono stati propriamente incoraggianti...