Lo sciopero è finito, trovato un accordo
Dalle prime indiscrezioni, parrebbe che i "pirati" saranno reintegrazi, col salario invariato per un anno e un CCL da discutere. Domani in una conferenza stampa sarà svelato qualche dettaglio
Locarnese
LOCARNO - Lieto fine, o almeno una schiarita decisiva che li spingerà a tornare al lavoro, per i "pirati", ovvero i lavoratori della Navigazione Lago Maggiore.

Erano in sciopero dal 25 giugno, contro i 34 licenziamenti che li avrebbero colpiti a fine anno, con la cessazione della copertura della tratta svizzera da parte della NLM. Nascerà probabilmente un consorzio con la Società di Navigazione Lago di Lugano, magari con fondi in parte cantonali (Zali parlava di far rientrare il tratto sotto il cappello del trasporto pubblico).

I dettagli verranno resi noti domani, nel corso di una conferenza stampa prevista per le 11, alla quale parteciperanno una delegazione del Consiglio di Stato, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e del personale svizzero della NLM e una delegazione delle autorità comunali, al Municipio di Locarno.

Le prime indiscrezioni parlano di reintegro, garanzia salariale per un anno e CCL da contrattare. Domani ne sapremo di più.


Pubblicato il 14.07.2017 22:37

Guarda anche

Locarnese
E un testimone attacca la Polizia, "sono sconvolto, mai viste scene del genere. Lo hanno spinto contro il muro per mettergli le manette". L'uomo è un operaio noto in paese, a casa aveva delle armi ma effettivamente è un appassionato di caccia alla selvaggina, come dimostra anche il suo profilo Facebook
Locarnese
La giovane non avrebbe voluto seguire i poliziotti, venuti per liberarla dopo che la stessa aveva avvisato i genitori di non poter uscire dalla casa del suo ex, dove era barricata con lui, il fratello e la madre. I vicini intanto raccontano qualche dettaglio in più sulla famiglia, sino a poco fa in assistenza
Locarnese
I protagonisti della vicenda sono tutti di nazionalità svizzera: la vittima ha 26 anni, i due "sequestratori" 31 anni e 29 anni, la madre 55 anni. Tutti sono stati rilasciati nel corso del pomeriggio e nei loro confronti sono al vaglio alcune ipotesi di reato. Le trattative con la Polizia non hanno funzionato
Locarnese
Ore di paura a Golino, sulla strada per Intragna. I tre si sono barricati in casa con la giovane, probabilmente per motivi sentimentali, essendoci stata una relazione fra due di loro. La paura è durata tutta notte, ora i tre sono in Polizia e stanno subendo un interrogatorio