Lo sciopero è finito, trovato un accordo
Dalle prime indiscrezioni, parrebbe che i "pirati" saranno reintegrazi, col salario invariato per un anno e un CCL da discutere. Domani in una conferenza stampa sarà svelato qualche dettaglio
Locarnese
LOCARNO - Lieto fine, o almeno una schiarita decisiva che li spingerà a tornare al lavoro, per i "pirati", ovvero i lavoratori della Navigazione Lago Maggiore.

Erano in sciopero dal 25 giugno, contro i 34 licenziamenti che li avrebbero colpiti a fine anno, con la cessazione della copertura della tratta svizzera da parte della NLM. Nascerà probabilmente un consorzio con la Società di Navigazione Lago di Lugano, magari con fondi in parte cantonali (Zali parlava di far rientrare il tratto sotto il cappello del trasporto pubblico).

I dettagli verranno resi noti domani, nel corso di una conferenza stampa prevista per le 11, alla quale parteciperanno una delegazione del Consiglio di Stato, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali e del personale svizzero della NLM e una delegazione delle autorità comunali, al Municipio di Locarno.

Le prime indiscrezioni parlano di reintegro, garanzia salariale per un anno e CCL da contrattare. Domani ne sapremo di più.


Pubblicato il 14.07.2017 22:37

Guarda anche

Locarnese
La polemica sul caso San Carlo ormai divampa e non basterà un secchio d’acqua per spegnere il fuoco. L’ex direttore sanitario della casa per anziani di Locarno, Gian Antonio Romano, ha scritto una durissima lettera aperta al Municipio, pubblicata oggi dal Caffè
Locarnese
Un giovane cittadino italiano domiciliato nel Locarnese attorno alla 1 di questa notte ha compiuto un furto con scasso alla Posta di Gordevio. La Polizia lo ha fermato e in seguito arrestato: ora addirittura si dovrà verificare il suo coinvolgimento in altri casi analoghi
Locarnese
Un 45enne del Locarnese deve rispondere di atti sessuali con fanciulli, con persone incapace di discernimento o inette a resistere per aver effettuato almeno cinque toccamenti a due bambine in vari luoghi, e per pornografia in relazione a dei materiali trovati nel suo computer
Locarnese
Nessuno ci aveva fatto caso, ma già dallo scorso anno la bandiera europea non viene più esposta a Locarno il 5 maggio. Se ne era discusso a lungo in Gran Consiglio, il leghista ha portato e fatto approvare (senza unanimità) la proposta per quanto concerne il Comune