Ius soli in Svizzera, lo sdegno di Marchesi. "Il disegno della sinstra, ben supportata dal centro, è chiaro: noi ci opporremo"
Il Consigliere Nazionale socialista Wermuth propone che chi nasca in Svizzera abbia diritto al passaporto. Il presidente dell'UDC, "vogliono ridurre il passaporto a qualcosa di simile alla carta Cumulus o ai buoni fedeltà della stazione di benzina"
Politica
BELLINZONA - Il Consigliere Nazionale del PS Cédric Wermuth chiede di applicare quello che in Italia sta facendo tanto discutere e viene definito ius soli anche in Svizzera: ovvero, chi nasce qui deve avere diritto al passaporto rossocrociato.

Indignato il presidente dell'UDC cantonale Piero Marchesi. "Cosa avevamo detto nella campagna contro le naturalizzazioni agevolate per gli stranieri della terza generazione? Se la sinistra avesse vinto la votazione sarebbe presto arrivata una nuova proposta atta ad indebolire il sistema di rilascio della cittadinanza, rendendola vieppiú automatica", ha scritto su Facebook.

"Detto, fatto! Non siamo degli indovini noi dell'UDC, ma oramai il disegno della sinistra - per dire il vero ben supportato dai partiti di centro - è chiaro. Loro vogliono relegare l'ottenimento del passaporto svizzero a pura formalità. Come la carta Cumulus, o i buoni fedeltà della stazione di benzina".

Ma l'UDC è pronta alla battaglia ."Noi ci opponiamo con forza a questa deriva, statene certi!"


Pubblicato il 16.07.2017 09:00

Guarda anche

Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"
Politica
Nei giorni scorsi, Lorenzo Quadri e Manuele Bertoli sono stati protagonisti di vivaci botta e risposta sulla riforma. Non va però dimenticato che il voto non dovrà essere partitico, bensì sui contenuti che si vogliono per la scuola. Giovedì verranno consegnate le firme