Ci risiamo! Una teoria apocalittica sentenzia, "agosto è l'ultimo mese dell'umanità"
L'eclissi solare, secondo David Maede, sarebbe in realtà un segno che un pianeta si scontrerà con la Terra. Si troverebbe tra Giove e Saturno, la NASa non ha rilevato la sua presenza. Ad ogni modo, secondo lui c'è modo di salvarsi... ecco come!
Mixer
WASHINGTON - Attenzione, la fine del mondo.... Quante teoria del genere abbiamo già sentito, a partire da quella dei Maya, nel 2012, che scatenò ben più di qualche timore, anche in chi scaramatico non è (ed è inutile negarlo...)?

Questa volta, addirittura parrebbe imminente. A settimane, giorni forse, dato che agosto sembra essere, secondo David Maede, autore del libro “Planet X – The 2017 Arrival”, l'ultimo mese della razza umana.

Cosa succede di particolare? Ci sarà una eclissi solare, e questo è noto. Ma per Maede, essa in realtà è il segno che un pianeta, chiamato appunto X, si scontrerà con la Terra. Un pianeta che nessuno scienziato, NASA dunque compresa, ha mai tenuto debitamente sotto controllo, fra Giove e Saturno.

L'impatto con la Terra provocherebbe scompensi enormi come terremoti e tsunami, inclinandola anche di 30°, cambiando dunque la latitudine dei luoghi.

La MASA ha già negato la teoria, spiegando che se vi fosse un pianeta fra Giove e Saturno, esso sarebbe stato rilevato da un'alterazione delle orbite di essi.

Maeden comunque dà anche istruzioni su come sopravvivere. suggerisce di posizionarsi  ad almeno 247 m sopra il livello del mare e ad una distanza di 240 km dalla costa per evitare le conseguenze di eventuali tsunami. L’uomo, inoltre, consiglia anche di attivare servizi di geolocalizzazione sui propri cellulari e di prestare particolare attenzione al guardaroba.

Insomma, per chi ci crede, attenzione. Per chi invece non crede, un'altra profezia da inserire nella collezione, man mano sempre più lunga.



Pubblicato il 11.08.2017 09:00

Guarda anche

Mixer
Un'altra giovane parla dei suoi troppi #quellavoltache. "È cominciato quando non potevo decodificare e capire, hanno gettato le basi per un rapporto contradditorio col mio corpo, con la nudità, col sesso. Non ho denunciato per proteggere tutti, per non essere massacrata, per la mia famiglia"
Mixer
La prima, tremenda testimonianza di una donna. "Quando mi picchiavano a casa, era di certo colpa mia. In clinica, dicevo che ero bambina che aveva bisogno di attenzioni, anche l'uomo che doveva verificare che ero vergine. Poi lo stupro con calci e bruciature di sigarette..." ‪#quellavoltache
Mixer
La scrittrice italiana Giulia Blasi ha lanciato un hastag per far parlare le donne delle piccole e grandi violenze subite, in altre parti del mondo ci sono iniziative analoghe. "Mi ha molestata un docente e non dormo più". "È successo a 11 anni ed era un parente..."
Mixer
Lo sconvolgente, lucido e preciso racconto di una ragazza che era arrivata "nel giro giusto. Nessuno ti violenta, non mi è mai successo. Avevo una lista di nomi a cui rivolgermi, tutta gente importante. Denunciare? Ero piccola e senza soldi, loro potenti. I miei genitori..."