No, voi no! Per gli agenti della Polizia Cantonale il consumo di canapa light è vietato, anche se l'uso non è punibile per legge
La Polizia ha spiegato che la sostanza lascia tracce nell'organismo tali da determinare un inattitudine alla guida. Inoltre, dato che non è distinguibile alla vista e all'odore da quella stupefacente, è inopportuno associare un agente alla canapa
Bellinzonese
BELLINZONA - Il consumo di canapa light, ovvero con un tenore di THC minore dell'1%, non è punibile per legge, ma gli agenti della Polizia Cantoale non ne possono comunque fare uso.

Lo ha precisato oggi una nota.

Infatti, sebbene appunto il suo consumo non sia punibile in base alla Legge federale sugli stupefacenti o alla Legge e regolamento cantonale sulla canapa, essa può lasciare delle tracce nell'organismo tali da determinare una condizione di inattitudine alla guida ai sensi della Legge federale sulla circolazione stradale.

Inoltre, dato che alla vista e all'odore non è possibile distinguere la canapa con tenore di THC inferiore all'1% da quella stupefacente, viene ritenuto inopportuno l'associare un agente di polizia a un possibile consumo di cannabis.

Richiamati anche i principi sanciti dal Codice deontologico della Polizia del cantone Ticino, nonché l'articolo 16 della Legge sulla polizia e l'articolo 26 del Regolamento sulla polizia, con lungimiranza già da aprile 2017 il Comando ha proibito a tutti i collaboratori del Corpo della Polizia cantonale di consuma re prodotti a base di canapa, anche se inferiore all'1% di THC.




Pubblicato il 11.08.2017 17:15

Guarda anche

Bellinzonese
Si tratta di due donne e due uomini. Le donne raggiravano le vittime, possibilmente anziane, gli uomini le attendevano pronti a fuggire. Con questo metodo hanno compiuto furti a Locarno, Lugano e Bellinzona, per una refurtiva di oltre 50mila franchi
Bellinzonese
La Polizia ha reso noti i luoghi in cui saranno posizionati i radar mobili dal 21 al 27 agosto
Bellinzonese
L'uomo è stato arrestato e le accuse a suo carico sono di tentato omicidio, lesioni gravi subordinatamente semplici, minaccia e infrazione alla Legge federale sulle armi
Bellinzonese
Un 54enne di Torino, con un tumore maligno al cervello, cerca soldi per poter raggiungere il nostro paese per morire. "Malgrado le cure palliative che alleviano le sofferenze, c'è chi decide di smettere di lottare", dice un chirurgo