Robbiani e la svizzera frontaliera nominata a Mendrisio: mistero o gaffe? "Io votato per lei? Da assente... Vogliono farmi tacere"
Ai tempi della nomina della donna come responsabile dell'antenna sociale di Mendrisio, Robbiani sedeva in Municipio. Lui è convinto di non averla votata, "mostrino i verbali della seduta. Che sia svizzera e viva in Italia per me è un'aggravante, dovrebbe spendere qui"
Politica
MENDRISIO - Massimiliano Robbiani balza agli onori della cronaca, ma per quella che si potrebbe definire una gaffe. Ha infatti interrogato il Municipio di Mendrisio per la nomina di una cittadina svizzera residente in Italia come responsabile dell'atenna sociale del Comune.

Ma la risposta ha del clamoroso: la nomina è stata avallata dal Municipio, di cui lui faceva parte, che all'unanimità ha deciso che la donna era l'unica candidata con i requisiti richiesti. Inoltre, pur vivendo in Italia, non può essere equiparata a una frontaliera poiché di nazionalità svizzera.

"Questa per me è un'aggravante. Chi lavora e guadagna in Ticino dovrebbe spendere da noi", rincara però la dose Robbiani, interpellato da ticinonews.ch.

Ed è convinto, malgrado a quell'epoca sedesse in Municipio, di non aver dato il posto di lavoro a quella donna. Su Facebook, ha scritto "prima di giudicare, bisognerebbe controllare i verbali. Io nominare un frontaliere? Certo, quando si è assenti", facendo intendere di non essere stato presente alla seduta.

Al portale, invece, chiede che vengano mostrati i verbali della seduta per mostrare il suo voto. Non siamo riusciti a raggiungerlo, però la spiegazione del caso, che ha fatto sorridere molti avversari, è una sola: "do ancora fastidio e hanno cercato un espediente per mettermi in cattiva luce e farmi tacere. Ma non ci riusciranno".


Pubblicato il 11.09.2017 14:47

Guarda anche

Politica
Due giorni si sensibilizzazione alle Orsoline per ministri, deputati e funzionari sull'importanza di donare il sangue per salvare vite umane. Ma il deputato leghista contesta il congedo
Politica
Il presidente dell'UDC lancia un messaggio via social al collega: "Caro Fiorenzo, vai fino in fondo e sostieni l’iniziativa contro la libera circolazione”
Politica
Il partito del presidente Fiorenzo Dadò: "Non siamo d'accordo con il ministro ticinese"
Politica
Il Governo ha deciso di procedere al versamento dei cosiddetti ‘ristorni’ entro il 30 giugno, rispettando la scadenza prevista dall’Accordo italo svizzero del 3 ottobre 1974. La somma corrisponderà alla parte italiana dell’imposta alla fonte sul reddito versata nel 2017 dai lavoratori frontalieri