Behrami ha detto no al Kosovo
Il nazionale svizzero è tornato a giocare in Italia, nell'Udinese, e nel corso di un'intervista per la Gazzetta dello Sport, ha spiegato che "qualche mese fa mi è stato chiesto di giocare per la nuova nazionale kosovara. Diventare svizzero è stata la scelta giusta"
Sport
UDINE - Valon Behrami è tornato a giocare in Italia: da qualche settimana, il centrocamposta ticinese ha firmato con l'Udinse.

Questa mattina la Gazzetta dello Sport gli ha dedicato un'ampia intervista, ripercorrendo la sua carriera e parlando dell'importanza, in particolare, dei tecnici italiani in essa: Valon cita Luigi Del Neri, che ritrova in bianconero, e Walter Mazzarri, fondamentale dal punto di vista del carattere.

Alla fine del pezzo, il discorso scivola sulla Nazionale. "Ci giochiamo tutto a ottobre nello scontro diretto col Portogallo a Lisbona".

Ma la notizia che farà più piacere ai tifosi rossocrociati chiude l'articolo. In molti, da quando il Kosovo è stato riconosciuto come Nazionale, temevano che svariati calciatori svizzeri con origini kosovare potessero abbandonare la squadra di Petkovic per giocare con la maglia della nazione di origine: essendo una compagine nuova, il regolamento avrebbe permesso il cambio. Behrami era uno di essi, e anche il ct kosovaro ha pensato a lui.

In sordina, gli è stata fatta la proposta. E lui? Quando il giornalista gli chiede se si sente più svizzero più kosovaro, ribatte: "Dopo tanti anni penso di aver fatto la scelta giusta diventando svizzero. Qualche mese fa, mi è stato chiesto di giocare nella nuova nazionale kosovara ma ho detto di no".

La sua scelta, dunque, Valon Behrami l'ha compiuta. 


Pubblicato il 12.09.2017 14:00

Guarda anche

Sport
A 36 anni e mezzo Federer diventa così il giocatore più "anziano" di sempre al primo posto del ranking ATP, a cui aveva dovuto rinunciare nel 2012. Aveva raggiunto per la prima volta la vetta della classifica mondiale 14 anni fa, nel febbraio del 2004. E da lunedì inizierà la sua 303esima settimana da numero 1 al mondo
Sport
Il club rossoblù si è rivolto al Ministero pubblico e alla Swiss Football League per "il tentativo di manipolazione delle gare di campionato, messo in atto da soggetti che negli scorsi giorni hanno avvicinato alcuni calciatori". Bignotti spiega cos'è successo. "Ancora una volta, abbiamo visto di avere un gruppo eccezionale"
Sport
La RSI ha comunicato che il 51,2% dei telespettatori, pari a 50'600 persone, era davanti alla tv domenica per tifare per Roger nella finale contro Cilic. Si tratta di un campione che come pochissimi sa catalizzare l'attenzione e farsi amare da tutti. E intanto Mirka in tribuna...
Sport
Il Lugano ha firmato una partnership con la banca ticinese, che darà il nome alla pista a partire dal primo maggio. "Un momento storico", ha detto Mantegazza, parlando di una realtà come la Cornèr "legata al territorio ma al tempo stesso internazionale". Un episodio che fa riflettere su quanto lo sport è dovuto cambiare