Finse di ospitare due stranieri, apparentemente provenienti dalla Norvegia, e che in realtà arrivavano dai Balcani, per fare un favore a un vecchio amico. Prima condanna nel caso permessi
Il caso scoppiò qualche mese fa, la mente è il titolare di un'azienda di Bellinzona chiamata Aliu Big Team. Il 28enne condannato è un amico di infanzia, mentre la seconda imputata, prosciolta perchè manca il corpo del reato, era una collega del fratello
Bellinzonese
BELLINZONA - Scoppiato più o meno nello stesso periodo del caso Argo 1, quello dei permessi falsi aveva agitato la scena politica ticinese, dato che in esso erano coinvolte persone che lavoravano per alcuni dipartimenti. L'inchiesta si era allargata a macchia d'olio, con la scoperta di ruoli sempre nuovi di altra gente, tutti pù o meno legati, per un motivo o l'altro, al titolare della ditta Aliu Big Team Sagl di Bellinzona, la mente del raggiro.

Ora sono arrivate le prime due condanne, ai danni di un 29enne che lavorava al DFE e di una infermiera 59enne. Per lui, 4'200 franchi sospesi con la condizionale, come richiesto nel decreto d'accusa, per lei assoluzione perché mancava il corpo del reato: esisteva solo una dichiarazione con la sua firma falsificata, mentre un'altra dichiarazione, questa volta falsificata dalla donna, non compare agli atti. E quando le giungevano lettere indirizzate a stranieri che dovevano, secondo quanto indicato nei permessi falsi, resiedere presso di lei, le ha sempre respinte. 

La 59enne era collegata alla rete poiché aveva lavorato assieme al fratello del titolare della Aliu Big Team, anch'egli infermiere.

Il 28enne, condannato e che probabilmente ricorrerà in appello, è invece un amico di infanzia dello stesso titolare della ditta. Lui e la donna avrebbero sottoscritto una fittizia dichiarazione di residenza presso l'abitazione del 28enne per due uomini (segnalati loro come provenienti dalla Norvegia, in realtà arrivavano dal Balcani) per facilitare l'ottenimento del permesso B. I fogli, prestampati, senza date e senza luogo, erano stati sottoposti ai due dall'infermiere fratello della mente di tutta la rete. I due uomini erano stati fatti entrare illegalmente in Svizzera, e indovinate da chi? Estato, dal titolare della Aliu Big Team. Un mosaico complesso, che a volte appare quello di un romanzo giallo

C'è da dire che il 28enne, perfettamente inserito nel suo ruolo, ritirava la posta indirizzata ai due uomini, e si era detto disposto a ospitarli sul serio per tutto il tempo necessario. Cosa ci guadagnava? A quanto pare nulla, semplicemente faceva un favore al vecchio amico.


Pubblicato il 12.09.2017 12:03

Guarda anche

Bellinzonese
La Polizia ha diramato come di consueto la lista delle località dove saranno piazzati i controlli mobili della velocità ecco quelli dal 25 settembre al primo ottobre
Bellinzonese
Una giornalista, che ieri era in aula per il processo di Bosia Mirra, rievoca quando fece qualcosa di simile. "Tutti parlavano solo turco, dicemmo loro di non parlare, a una donna feci togliere il foulard. A Como ho visto tanta disperazione, spero l'assolvano, sennò si dimetterà"
Bellinzonese
La famiglia Cattaneo ha mostrato ieri in una serata pubblica i disegni dell'architetto Rivola e dell'ingegner Tami. Il costo stimato è di alcune decine di milioni di franchi, e darebbe qualcosa in più non solo a Rivera ma anche a Monteceneri. Possibile un collegamento con lo Splash e Spa...
Bellinzonese
"La Svizzera fa parte di Schengen, e le frontiere interne possono essere attraversate senza nessun controllo: portare persone in Svizzera non è entrata illegale", sostiene l'avvocato Delprete. "Soggiorno illegale? Sono rimasti solo poche ore". E chiede il proscioglimento