I dubbi di Quadri, "ma il Consiglio Federale è davvero convinto che con l'Italia tutto vada bene? Oppure il Ticino è sacrificabile?"
Il Consigliere nazionale ritiene che "i Consiglieri Federali non siano consapevoli che i rapporti con la vicina penisola sono altamente problematici perché la controparte non intende rispettare gli accordi e cerca pretesti per non farlo. A pagare è il Ticino. Cosa si fa?"
Politica
di Lorenzo Quadri*, interpellanza al Consiglio Federale

Nei giorni scorsi il Consigliere federale Schneider Ammann, dopo un incontro col ministro italiano Carlo Calenda, ha assicurato nel giro di pochi mesi la ratifica dell’accordo  sulla fiscalità dei frontalieri con l’Italia.

Non solo l’affermazione appare assai poco credibile, essendo ormai oltre tre anni che ora l’uno ora l’altro/a Consigliere/a federale parlano di conclusione imminente di questa annosa vertenza, ma solleva dei dubbi a proposito della consapevolezza del CF, come gremio governativo, dei problemi esistenti nei rapporti con l’Italia.

Non solo l’Italia non ha evidentemente alcuna intenzione di concludere l’accordo sulla fiscalità dei frontalieri, e men che meno in prossimità delle elezioni, ma sussistono anche importanti difficoltà in relazione alla possibilità degli operatori finanziari svizzeri (nel concreto: ticinesi) di accedere al mercato italiano. Malgrado ciò sia contemplato nella road map.

La pretesa (decisione parlamentare) di porre quale condizione all’accesso al mercato finanziario italiano l’apertura di una filiale nel Belpaese, avrebbe quale conseguenza la migrazione di un importante numero di posti di lavoro dal Ticino alla vicina Penisola, con pesanti ripercussioni occupazionali negative  sulla piazza ticinese; che è pur sempre la terza della Svizzera. Un aspetto che il CF non può permettersi di ignorare o di sottovalutare.

L’impressione  è che il Consiglio federale non sia consapevole che i rapporti con l’Italia rimangono altamente problematici in quanto la controparte non intende rispettare gli accordi presi con la Svizzera e cerca pretesti per non farlo. A pagare il prezzo di questa situazione è il Ticino.

Chiedo al CF:

- Il Consiglio federale è davvero convinto che nelle relazioni con l’Italia vada tutto bene?

- Quali misure di pressione intende mettere in atto il CF per far sì che l’Italia ottemperi agli impegni presi?

- È intenzione del CF fare delle relazioni con l’Italia un tema della sua politica?

-  Oppure il Ticino - e la piazza finanziaria ticinese, malgrado sia la terza della Svizzera – sono considerati sacrificabili nell’ottica di non meglio definiti interessi superiori?

*Consigliere nazionale Lega dei Ticinesi


Pubblicato il 12.09.2017 15:12

Guarda anche

Politica
Il deputato MPS ha scritto ai colleghi e a Noseda che "il decreto d'abbandono era sorprendente perché i Ministri sapevano. E il pg ha avuto l'onestà intellettuale di approfondire. CPI? La questione è chiara: devono restituire. Quanta sudditanza, e il Governo ha una logica turca"
Politica
In audizione davanti alla Commissione Parlamentare d'Inchiesta, il Consigliere di Stato ha portato una dozzina di pagine con la sua versione e diversi documenti per smontare il rapporto. Ha spiegato come si agiva nel settore profughi e come si è passati da una ditta all'altra
Politica
Nuova documentazione sarebbe arrivata sul tavolo del Procuratore Generale, che ha così riaperto il dossier (dopo aver firmato un decreto d'abbandono). Intanto l'Ufficio Presidenziale risponde al Governo, sottolineando che diversi rimborsi, dal cellulare ai due mesi di salario extra, non hanno base legale
Politica
Aveva 94 anni, fra poco più di un mese ne avrebbe compiuti 95. Avvocato, ha esercitato nella Magistratura nei minorenni ed è stato Prucuratore Pubblico del Sopraceneri. In politica, di fede socialista, è partito dal Municipio di Chiasso per poi passare al Parlamento e infine al Governo, dove è rimasto per 12 anni