I dubbi di Quadri, "ma il Consiglio Federale è davvero convinto che con l'Italia tutto vada bene? Oppure il Ticino è sacrificabile?"
Il Consigliere nazionale ritiene che "i Consiglieri Federali non siano consapevoli che i rapporti con la vicina penisola sono altamente problematici perché la controparte non intende rispettare gli accordi e cerca pretesti per non farlo. A pagare è il Ticino. Cosa si fa?"
Politica
di Lorenzo Quadri*, interpellanza al Consiglio Federale

Nei giorni scorsi il Consigliere federale Schneider Ammann, dopo un incontro col ministro italiano Carlo Calenda, ha assicurato nel giro di pochi mesi la ratifica dell’accordo  sulla fiscalità dei frontalieri con l’Italia.

Non solo l’affermazione appare assai poco credibile, essendo ormai oltre tre anni che ora l’uno ora l’altro/a Consigliere/a federale parlano di conclusione imminente di questa annosa vertenza, ma solleva dei dubbi a proposito della consapevolezza del CF, come gremio governativo, dei problemi esistenti nei rapporti con l’Italia.

Non solo l’Italia non ha evidentemente alcuna intenzione di concludere l’accordo sulla fiscalità dei frontalieri, e men che meno in prossimità delle elezioni, ma sussistono anche importanti difficoltà in relazione alla possibilità degli operatori finanziari svizzeri (nel concreto: ticinesi) di accedere al mercato italiano. Malgrado ciò sia contemplato nella road map.

La pretesa (decisione parlamentare) di porre quale condizione all’accesso al mercato finanziario italiano l’apertura di una filiale nel Belpaese, avrebbe quale conseguenza la migrazione di un importante numero di posti di lavoro dal Ticino alla vicina Penisola, con pesanti ripercussioni occupazionali negative  sulla piazza ticinese; che è pur sempre la terza della Svizzera. Un aspetto che il CF non può permettersi di ignorare o di sottovalutare.

L’impressione  è che il Consiglio federale non sia consapevole che i rapporti con l’Italia rimangono altamente problematici in quanto la controparte non intende rispettare gli accordi presi con la Svizzera e cerca pretesti per non farlo. A pagare il prezzo di questa situazione è il Ticino.

Chiedo al CF:

- Il Consiglio federale è davvero convinto che nelle relazioni con l’Italia vada tutto bene?

- Quali misure di pressione intende mettere in atto il CF per far sì che l’Italia ottemperi agli impegni presi?

- È intenzione del CF fare delle relazioni con l’Italia un tema della sua politica?

-  Oppure il Ticino - e la piazza finanziaria ticinese, malgrado sia la terza della Svizzera – sono considerati sacrificabili nell’ottica di non meglio definiti interessi superiori?

*Consigliere nazionale Lega dei Ticinesi


Pubblicato il 12.09.2017 15:12

Guarda anche

Politica
Come previsto, nessun rimescolamento nei Dipartimenti, all'ultimo arrivato va quello di Burkhalter. "Un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le diverse culture sul piano internazionale". Gaffuri, "le sue radici italiane aiuteranno"
Politica
Il presidente, uno dei protagonisti dell'elezione, commenta su Opinione Liberale: "la Svizzera ha dimostrato sensibilità verso la Svizzera Italiana. Berna sarà un po' più vicina al Ticino e il Ticino sarà un po' meglio ascoltato a Berna. Non si riceve nulla senza dare nulla"
Politica
Un sondaggio via Facebook fa emergere una scarsissima fiducia nel fatto che possa cambiare qualcosa per il nostro Cantone, ovvero che esso possa essere maggiormente ascoltato nella capitale. "Semmai peggiorerà". "Basta, siamo il territorio più piagnucoloso della Svzzera!"
Politica
Anche se non può intervenire direttamente, il Consiglio di Stato può "sostenere e incentivare le parti sociali a concorrere all'obiettivo sancito dalla Costituzione". Per questo, dopo la sentenza di Neuchâtel, i due pipidini inoltrano una mozione sul tema