Il tempo di Burkhalter. "La chiave del nostro paese per essere felice è la forza dello sguardo, l'avvicinamento dei punti di vista diversi".
Il Consigliere Federale si è congedato dall'Assemblea Federale, non senza emozioni e commozione. "Gli anni passano veloci come il tempo sul mio lago di Neuchâtel: è ora di scrivere una nuova pagina. Vedo segni di rispetto, come le stelle nel cielo. Auguro coraggio e lungimiranza"
Politica
BERNA - Applausi, fiori, commozione. Didier Burkhalter, con emozione, si è congedato dall'Assemblea Federale: dal 31 ottobre non sarà più Consigliere Federale, ma rimane innamorato della Svizzera e delle sue istituzioni.

"Si dice che c'è un tempo per ogni cosa, bisogna rispettare la necessità di voler scrivere una pagina bianca: per me è arrivato il tempo di partire, che è un po' come morire, ma anche vivere facendo l'occhiolino alla libertà", ha detto.

"Voglio sottolineare un riconoscimento alle istituzioni, al sistema collegiale, niente nel nostro paese è fatto da una sola persona. Con modestia, grazie all'avvicinamento dei punti di vista diversi, riusciamo a affrontare con serenità i periodi bui: la chiave del nostro paese, per essere felice, è lo sguardo che si pone sulle visioni diverse dalle nostre".

"Essere Consigliere Federale ha voluto dire rinunciare e accettare il tempo. Rinunciare che il tempo cambia, accettare i suoi capricci, gli anni passano veloci come quelli sul mio lago di Neuchâtel", ha proseguito, ringraziando il PLR e chi gli ha permesso di sedere dapprima nell'Assemblea federale e poi in Governo.

"Auguro a tutti coraggio e lungimiranza. Grazie alla Svizzera e a chi la abita. Vedo tanti segnali di rispetto, come le stelle nel cielo".

Ha ricordato tre momenti, un giorno, un anno, un periodo: "il 9 febbraio, non un voto contro gli stranieri ma di preoccupazione, con una soluzione da dover trovare nel rispetto delle isituzioni e salvaguardando le relazioni con l'UE. Poi penso al 2014, dove con la nostra neutralità siamo stati costruttori di ponti. Infine cito la guerra in Siria: la solidarietà svizzera è la nostra forza, con il rispetto delle diversità".

Parole commosse, che si sono chiuse con un sentito ringraziamento alla moglie, anch'essa emozionata.

Poi, dopo applausi, abbracci e un mazzo di fiori, i Ministri escono dalla Sala. E il momento della commozione finisce e iniziano i giochi. 


Pubblicato il 20.09.2017 08:25

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"