Il tempo di Burkhalter. "La chiave del nostro paese per essere felice è la forza dello sguardo, l'avvicinamento dei punti di vista diversi".
Il Consigliere Federale si è congedato dall'Assemblea Federale, non senza emozioni e commozione. "Gli anni passano veloci come il tempo sul mio lago di Neuchâtel: è ora di scrivere una nuova pagina. Vedo segni di rispetto, come le stelle nel cielo. Auguro coraggio e lungimiranza"
Politica
BERNA - Applausi, fiori, commozione. Didier Burkhalter, con emozione, si è congedato dall'Assemblea Federale: dal 31 ottobre non sarà più Consigliere Federale, ma rimane innamorato della Svizzera e delle sue istituzioni.

"Si dice che c'è un tempo per ogni cosa, bisogna rispettare la necessità di voler scrivere una pagina bianca: per me è arrivato il tempo di partire, che è un po' come morire, ma anche vivere facendo l'occhiolino alla libertà", ha detto.

"Voglio sottolineare un riconoscimento alle istituzioni, al sistema collegiale, niente nel nostro paese è fatto da una sola persona. Con modestia, grazie all'avvicinamento dei punti di vista diversi, riusciamo a affrontare con serenità i periodi bui: la chiave del nostro paese, per essere felice, è lo sguardo che si pone sulle visioni diverse dalle nostre".

"Essere Consigliere Federale ha voluto dire rinunciare e accettare il tempo. Rinunciare che il tempo cambia, accettare i suoi capricci, gli anni passano veloci come quelli sul mio lago di Neuchâtel", ha proseguito, ringraziando il PLR e chi gli ha permesso di sedere dapprima nell'Assemblea federale e poi in Governo.

"Auguro a tutti coraggio e lungimiranza. Grazie alla Svizzera e a chi la abita. Vedo tanti segnali di rispetto, come le stelle nel cielo".

Ha ricordato tre momenti, un giorno, un anno, un periodo: "il 9 febbraio, non un voto contro gli stranieri ma di preoccupazione, con una soluzione da dover trovare nel rispetto delle isituzioni e salvaguardando le relazioni con l'UE. Poi penso al 2014, dove con la nostra neutralità siamo stati costruttori di ponti. Infine cito la guerra in Siria: la solidarietà svizzera è la nostra forza, con il rispetto delle diversità".

Parole commosse, che si sono chiuse con un sentito ringraziamento alla moglie, anch'essa emozionata.

Poi, dopo applausi, abbracci e un mazzo di fiori, i Ministri escono dalla Sala. E il momento della commozione finisce e iniziano i giochi. 


Pubblicato il 20.09.2017 08:25

Guarda anche

Politica
Matteo Pronzini non molla, parlando di "una battaglia necessaria per la popolazione ticinese": diversi capogruppo lo avevano sollecitato a contattare il Procuratore Pubblico se riteneva che ci fosse qualcosa di rilevante, e lo ha fatto, aprendo anche un ennesimo fronte con un'interpellanza
Politica
Il deputato dell'MPS ieri ha chiesto che il Gran Consiglio pretenda la restituzione di quanto incassato da dieci ex Ministri, da quelli in carica e da Pesenti. Ma i capogruppo non sembrano sulla sua linea: sottolineano che c'è una commissione che si sta occupando del tema pensioni, da tempo
Politica
Dopo SlowUp, gli ecologisti propongono una domenica al mese senz'auto da marzo a ottobre. Il presidente dell'UDC ritiene invece che "si è investito ovunque tranne che sulla mobilità privata. E non vuol dire non supportare il trasporto pubblico o la modalità lenta. Ecco i progetti che finanzierei"
Politica
Pronzini torna alla carica e chiede che il Gran Consiglio si attivi per chiedere a dieci ex Consiglieri di Stato quanto incassato dal 1988 ad oggi, e precisa perché a suo avviso il supplemento sostitutivo AVS è illegale. "Governo con atteggiamento poco onorevole e di basso livello, scarica la responsabilità al Parlamento"