"Nelle trattative con l'Italia la testa Svizzera pensa, parla e sogna in italiano". Cassis agli Affari Esteri, aiuterà il dialogo fra i due paesi?
Come previsto, nessun rimescolamento nei Dipartimenti, all'ultimo arrivato va quello di Burkhalter. "Un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le diverse culture sul piano internazionale". Gaffuri, "le sue radici italiane aiuteranno"
Politica
BERNA – Come previsto subito dopo l’elezione, oggi era in programma il primo importante momento per Ignazio Cassis come nuovo Consigliere Federale: assieme ai futuri colleghi infatti si doveva stabilire la ripartizione dei Dipartimenti.

Come ipotizzato, il ticinese prende gli Affari Esteri, come il suo predecessore Didier Burkhalter. Aveva detto di non avere preferenze particolari, e tutto è andato liscio, con gli altri Ministri che hanno optato per tenere ciascuno i propri Dipartimenti.

"È per me un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le sue diverse culture sul piano internazionale. Nutro grande rispetto per questo compito di responsabilità nell’ambito della politica estera e sono felice di ricoprire presto questa carica”, sono state le prime parole ufficiali di Cassis dopo la decisione.

Di sicuro, saranno contenti in molti, soprattutto perché ora il ticinese avrà il suo bel daffare anche per quanto concerne i rapporti con l’Italia, con il dossier relativo all’accordo fiscale sempre sul tavolo e la problematica dei frontalieri che è fra le più scottanti e attuali. Ieri il consigliere regionale lombardo Luca Gaffuri si era rallegrato della nomina, convinto che le radici italiane del nuovo Ministro avrebbero potuto migliorare il dialogo, e che, se a lui fossero toccati gli Esteri, si avrebbe avuto un interlocutore che dà importanza alla tematica dei frontalieri.

Anche il Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli si è rallegrato, postando su Facebook che ora “nelle trattative con l'Italia la testa Svizzera parla, pensa e sogna in italiano”.

Cassis aiuterà davvero a migliorare i rapporti fra le due nazioni? È l’augurio di tutti!


Pubblicato il 22.09.2017 14:00

Guarda anche

Politica
Marco Passalia propone di "usare i dati in anonimo per poter valutare meglio i progetti infrastrutturali: permetterebbero di visionare i diversi tipi di traffico, i mezzi usati e di analizzare dunque gli spostamenti dei cittadini". A Montreaux, per esempio...
Politica
Il presidente democentrista sottolinea come il tema sia delicato e complesso, meritevole di approfondimento. "Se avessero ascoltato le critiche, forse non si sarebbe neppure arrivati al voto. Se venisse tolto il canone, ne farebbero le spese anche le emittenti private come TeleTicino"
Politica
Il vicepresidente dell'UDC non è sorpreso dall'intervista del suo Consigliere Nazionale: "non è un'iniziativa democentrista. Non vedo perché SSR e RSI non potrebbero continuare come emittenti private, i finanziamenti si possono trovar. Ma prima deve esprimersi il popolo"
Politica
Il Consigliere Nazionale democentrista si oppone all'iniziativa per togliere il canone. "Chi vota sì è estremamente deluso dalla lottizzazione partitica all'interno della RSI e dalla linea troppo sbilanciata a sinistra. Ma le critiche bastano per farla chiudere?"