"Nelle trattative con l'Italia la testa Svizzera pensa, parla e sogna in italiano". Cassis agli Affari Esteri, aiuterà il dialogo fra i due paesi?
Come previsto, nessun rimescolamento nei Dipartimenti, all'ultimo arrivato va quello di Burkhalter. "Un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le diverse culture sul piano internazionale". Gaffuri, "le sue radici italiane aiuteranno"
Politica
BERNA – Come previsto subito dopo l’elezione, oggi era in programma il primo importante momento per Ignazio Cassis come nuovo Consigliere Federale: assieme ai futuri colleghi infatti si doveva stabilire la ripartizione dei Dipartimenti.

Come ipotizzato, il ticinese prende gli Affari Esteri, come il suo predecessore Didier Burkhalter. Aveva detto di non avere preferenze particolari, e tutto è andato liscio, con gli altri Ministri che hanno optato per tenere ciascuno i propri Dipartimenti.

"È per me un onore rappresentare la Svizzera, le sue istituzioni, il suo sistema democratico e le sue diverse culture sul piano internazionale. Nutro grande rispetto per questo compito di responsabilità nell’ambito della politica estera e sono felice di ricoprire presto questa carica”, sono state le prime parole ufficiali di Cassis dopo la decisione.

Di sicuro, saranno contenti in molti, soprattutto perché ora il ticinese avrà il suo bel daffare anche per quanto concerne i rapporti con l’Italia, con il dossier relativo all’accordo fiscale sempre sul tavolo e la problematica dei frontalieri che è fra le più scottanti e attuali. Ieri il consigliere regionale lombardo Luca Gaffuri si era rallegrato della nomina, convinto che le radici italiane del nuovo Ministro avrebbero potuto migliorare il dialogo, e che, se a lui fossero toccati gli Esteri, si avrebbe avuto un interlocutore che dà importanza alla tematica dei frontalieri.

Anche il Consigliere di Stato Paolo Beltraminelli si è rallegrato, postando su Facebook che ora “nelle trattative con l'Italia la testa Svizzera parla, pensa e sogna in italiano”.

Cassis aiuterà davvero a migliorare i rapporti fra le due nazioni? È l’augurio di tutti!


Pubblicato il 22.09.2017 14:00

Guarda anche

Politica
Il presidente dell'UDC, pur consapevole delle differenti visioni in merito alla libera circolazione, ritiene che il Ticino è particolarmente interessato delle conseguenze negative dell'accordo, e che "è ora che il Ticino trovi una soluzione condivisa da una larga maggioranza di politici e partiti"
Politica
Fa parte del Comitato No Billag Ticino e attacca: "al massimo si attacca l'esercito, in mano agli UDC. Non c'è un piano B? Sarebbe irragionevole. Se passa il sì, serve un risparmio serio. Da noi, si dimezzerebbero i posti di lavoro ma d'altronde la RSI è un mondo irreale"
Politica
Aveva annunciato battaglia, il deputato MPS, dopo alcune fughe di notizie su Argo 1. Bertoli: "le domande non vanno eluse ma ritengo si debba rispondere in un dibattito unico, quando commenteremo il rapporto del rapporto della commissione parlamentare d'inchiesta". Gianora: "ne discuterò con Bertoli"
Politica
Il deputato MPS, cui Bertoli aveva detto che "il Governo non risponderà più sul caso Argo sino dopo la conclusione dei lavori della CPI", non ha gradito gli ultimi articoli usciti. "Perché non rispondete agli atti parlamentari? Il silenzio vale solo per i deputati?"