Le richieste d'asilo diminuiscono di un terzo!
Nei primi nove mesi dell'anno, i dati sono i più bassi dal 2010. Sia nell'ultimo trimestre che nel mese di settembre la diminuzione è stata di circa il 30%: stabili gli eritrei, scendono di molto i somali. "C'è stata una netta diminuzione del flusso attraverso il Mediterraneo da luglio"
Svizzera
BERNA – I rifugiati che arrivano in Svizzera stanno diminuendo. Il dato registrato nei primi nove mesi dell’anno è infatti il più basso dal 2010 ad oggi.

Si parla, secondo i numeri diffusi dalla Segreteria di Stato per la Migrazione, di 13 916 domande d’asilo.

Nell’ultimo trimestre, ovvero da luglio a settembre, sono state 4’793, il 33% (dunque un terzo) in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, e anche i dati di settembre sono più bassi di più di un terzo.

I motivi? La SEM parla di “netta diminuzione del flusso migratorio attraverso il Mediterraneo centrale da metà luglio” e del “fatto che i migranti in arrivo in Europa occidentale non scelgono in prima linea la Svizzera come Paese di destinazione”.

Essi arrivano dall’Eritrea, paese da cui le domande sono rimaste più o meno stabili, dalla Siria dall’Afghanistan, dallo Sri Lanka e dalla Somalia, con numeri calanti, in particolare da ques’ultimo paese, con una diminuzione di più del 50%.

Nello stesso mese, la Segreteria di Stato della migrazione ha evaso in prima istanza 2142 domande d’asilo: 536 con decisione di non entrata nel merito (di cui 512 in virtù dell’Accordo di Dublino), 598 con la concessione dell’asilo e 623 con l’ammissione provvisoria.

Sempre in settembre, 591 persone hanno lasciato la Svizzera sotto il controllo delle autorità o sono state rimpatriate. Il nostro Paese ha chiesto ad altri Stati aderenti alla Convenzione di Dublino di prendere in carico 679 richiedenti l’asilo, e 181 persone sono state trasferite nello Stato competente. Dal canto suo la Svizzera ha ricevuto 555 domande di presa in carico presentate da altri Stati aderenti alla Convenzione di Dublino, e 77 persone sono state trasferite nel nostro Paese.

In due anni, verranno accolti 2’000 siriani, e 377 sono già arrivati. Inoltre, per il programma di ricollocazione dell’UE, ovvero il trasferire in un altro Stato europeo richiedenti l’asilo già registrati in Italia o in Grecia, due Paesi aderenti alla Convenzione di Dublino chiamati a gestire un numero elevato di domande alla frontiera esterna dello spazio Schengen, la Svizzera ha ricevuto179 persone provenienti dai due paesi.


Pubblicato il 19.10.2017 14:30

Guarda anche

Svizzera
Tutti i cantoni hanno deciso di bocciare l'iniziativa popolare che chiedeva di precludere alle banche commerciali la possibilità di emettere moneta scritturale elettronica, con il 75,5% dei votanti che ha detto no. Per contro, il 72,9% e tutti i cantoni dicono sì alla legge sui giochi in denaro
Svizzera
Il Canton Vallese ha deciso di non dare il via libera al credito di 100 milioni per organizzare la manifestazione che avrebbe avuto una ricaduta turistica importante su tutta la Nazione. I rischi al 53,9% dei cittadini sono apparsi troppo elevati
Svizzera
Un'iniziativa popolare chiede un congedo ai neo padri di almeno quattro settimane. Il costo sarebbe di 420 milioni annui, e da Berna consigliano alle Camere Federali di respingere il messaggio. "È più utile pensare al dopo, e un congedo di questo tipo competerebbe costi supplementari all'economia e problemi organizzativi alle aziende"
Svizzera
Un italiano che faceva parte del gruppo guidato dal comasco residente in Valle di Muggio fa notare che non aveva il localizzatore GPS, il telefono satellitare non funzionava e alla capanna non c'era nessuna riservazione. Un'altra domanda è quella sul numero di alpinisti che facevano parte della spedizione