Non era residente in Ticino e non lavorava qui. Perchè lasciato a Varenzo? "Non c'erano le condizioni per portarlo in centrale"
Sempre più fitto il mistero attorno alla morte del 36enne bergamasco, avvenuta mentre camminava sulla A2. La Polizia conferma di averlo lasciato dove aveva chiesto lui, motivando la scelta con l'ospitalità di un conoscente da cui non è mai arrivato
Tre Valli
AIROLO - Perchè la Polizia non ha portato Matteo C, il 36enne morto sulla A2 l'altro giorno mentre camminava, in centrale a Faido?

Un interrogativo che si sono posti in diversi, dopo che questa mattina era stato svelato che l'uomo era stato lasciato dalle forze dell'ordine a Varedo, come da sua richiesta, per essere ospitato da un conoscente (da cui non è mai arrivato).

L'Ufficio stampa della Polizia, interpellato da ticinonews.ch, ha spiegato come sono andati a prelevarlo in un locale, avvertiti dalla cameriera, ma che non vi erano gli estremi né per un fermo (non aveva fatto del male a nessuno) né appariva in condizione psico-fisiche tali da essere portato alla centrale. 

Inoltre, è stato precisato come non è vero che vivesse in Ticino né che vi lavorasse.

I misteri sono ancora molti. 


Pubblicato il 20.11.2017 15:20

Guarda anche

Tre Valli
È avvenuto uno scontro frontale fra un mezzo pesante e un'autovettura. Due le persone decedute, nonostante i tempestivi soccorsi: erano circa le 9.20. La galleria ovviamente è chiusa in entrambe le direzioni, le informazioni sono ancora frammentarie
Tre Valli
L'incidente sulla A2 provocò la morte di un'intera famiglia germanica, composta da genitori e da due figlie minorenni. Concluse le indagini a carico del 51enne italiano e romeno, che rimase a sua volta gravemente ferito nel sinistro
Tre Valli
La sorella della mamma dell'uomo morto sulla A2 racconta a un portale bergamasco la sua versione. "Era venuto a fare il pastore, aveva trovato persone che gli volevano bene. Quella sera stava tornando a casa, doveva attraversare un ponto ma il buio l'ha tratto in inganno"
Tre Valli
L'arresto è avvenuto nel tunnel, attorno alle 16 di ieri. In manette sono finiti un 45enne svizzero residente in Italia e una 47enne svizzera domiciliata nel Mendrisiotto, erano a bordo di una vettura con targhe ticinesi