Le ultime ore dell'uomo morto sulla A2: era stato picchiato in un ritrovo pubblico, piangeva. I poliziotti lo hanno aiutato
Dopo un alterco, in cui ha avuto la peggio, il 36enne bergamasco si sarebbe nascosto in un altro locale pubblico, dove degli agenti gli avrebbero chiesto che cosa fosse successo. Avrebbe chiesto lui di essere lasciato a Varenzo, per non insospettire l'amico arrivando a bordo dell'auto della Polizia
Tre Valli
AIROLO – Il 36enne bergamasco morto perché investito da una vettura mentre camminava sulla A2, dopo esservi entrato dallo svincolo di Varenzo, ha lasciato tutta la zona sotto shock: in paese non si parla d’altro.

Chi era l’uomo coinvolto? Dapprima si è detto che da poco abitava in Ticino, dove lavorava, poi è stato smentito. Di sicuro ha un passato difficile, in cui probabilmente c’è anche la prigione. Lo avrebbe ammesso egli stesso, parlando addirittura di 10 anni di reclusione, raccontano degli avventori dei bar locali che lo hanno visto poche sere prima della morte. Non ha voluto dire come mai, però. Beveva e insultava gli svizzeri, a quanto pare.

A TicinoLibero sono arrivate delle segnalazioni inquietanti riguardo le ultime ore dell’uomo. Quel che si sa di certo è che la Polizia lo ha lasciato a Varenzo, a pochi minuti da casa di un amico che lo avrebbe ospitato. In molti si sono domandati come mai non sia stato portato direttamente dal conoscente, oppure in centrale a Faido.

Perché era a bordo della vettura degli agenti? In paese ad Airolo circolano diverse voci. Che l’uomo non stesse molto bene, lo si era visto nei giorni precedenti. Quel maledetto pomeriggio, sembrerebbe che sia stato coinvolto in un pestaggio, da cui avrebbe avuto la peggio, mentre si trovava in un locale pubblico.

Da qui la segnalazione alla Polizia, con il 36enne che lasciava il locale prima di un possibile arrivo degli agenti.

Persone del posto lo hanno visto rifugiarsi in un altro ritrovo pubblico, dove si sarebbe mostrato pesto e triste, addirittura in lacrime. Il caso vuole, sempre secondo quanto ci è stato detto, che incontrasse dei poliziotti, i quali gli chiedessero che cosa gli fosse successo, e acconsentissero a portarlo fino a casa dell’amico.

Perché, a questo punto, non fino all’abitazione? Sarebbe stata una scelta del 36enne, che è stato sentito dire ai poliziotti che non gradiva essere visto dall’amico a bordo della loro auto. Così, hanno ascoltato la sua richiesta, lasciandolo dove desiderava lui: d’altro canto, non vi erano gli estremi per portarlo in centrale, è stato comunicato già ieri.

Sul motivo per cui poi abbia imboccato la A2, trovando la morte, rimane un punto di domanda.


Pubblicato il 21.11.2017 13:26

Guarda anche

Tre Valli
È avvenuto uno scontro frontale fra un mezzo pesante e un'autovettura. Due le persone decedute, nonostante i tempestivi soccorsi: erano circa le 9.20. La galleria ovviamente è chiusa in entrambe le direzioni, le informazioni sono ancora frammentarie
Tre Valli
L'incidente sulla A2 provocò la morte di un'intera famiglia germanica, composta da genitori e da due figlie minorenni. Concluse le indagini a carico del 51enne italiano e romeno, che rimase a sua volta gravemente ferito nel sinistro
Tre Valli
La sorella della mamma dell'uomo morto sulla A2 racconta a un portale bergamasco la sua versione. "Era venuto a fare il pastore, aveva trovato persone che gli volevano bene. Quella sera stava tornando a casa, doveva attraversare un ponto ma il buio l'ha tratto in inganno"
Tre Valli
L'arresto è avvenuto nel tunnel, attorno alle 16 di ieri. In manette sono finiti un 45enne svizzero residente in Italia e una 47enne svizzera domiciliata nel Mendrisiotto, erano a bordo di una vettura con targhe ticinesi