A processo il camionista che causò il dramma di Quinto: è accusato di omicidio colposo plurimo e infrazione grave delle norme della circolazione stradale
L'incidente sulla A2 provocò la morte di un'intera famiglia germanica, composta da genitori e da due figlie minorenni. Concluse le indagini a carico del 51enne italiano e romeno, che rimase a sua volta gravemente ferito nel sinistro
Tre Valli
BELLINZONA - Come si ricorderà, il 26.07.2016 si verificò a Quinto, sull'autostrada A2, un gravissimo incidente della circolazione in cui persero la vita quattro persone, tutte appartenenti alla medesima famiglia di nazionalità germanica (padre, madre e due figlie minorenni).

Ora il Ministero Pubblico comunica che il Procuratore Arturo Garzoni ha concluso l'inchiesta relativa a questo tragico caso, rinviando a giudizio, dinanzi alla Corte delle Assise correzionali di Leventina, il camionista oggi 51enne (cittadino italiano e romeno) che ha provocato il sinistro, rimanendo pure gravemente ferito nell'evento.

Nei suoi confronti si ipotizzano i reati di omicidio colposo plurimo e di infrazione grave delle norme della circolazione stradale

Pubblicato il 04.12.2017 16:00

Guarda anche

Tre Valli
È avvenuto uno scontro frontale fra un mezzo pesante e un'autovettura. Due le persone decedute, nonostante i tempestivi soccorsi: erano circa le 9.20. La galleria ovviamente è chiusa in entrambe le direzioni, le informazioni sono ancora frammentarie
Tre Valli
La sorella della mamma dell'uomo morto sulla A2 racconta a un portale bergamasco la sua versione. "Era venuto a fare il pastore, aveva trovato persone che gli volevano bene. Quella sera stava tornando a casa, doveva attraversare un ponto ma il buio l'ha tratto in inganno"
Tre Valli
L'arresto è avvenuto nel tunnel, attorno alle 16 di ieri. In manette sono finiti un 45enne svizzero residente in Italia e una 47enne svizzera domiciliata nel Mendrisiotto, erano a bordo di una vettura con targhe ticinesi
Tre Valli
Dopo un alterco, in cui ha avuto la peggio, il 36enne bergamasco si sarebbe nascosto in un altro locale pubblico, dove degli agenti gli avrebbero chiesto che cosa fosse successo. Avrebbe chiesto lui di essere lasciato a Varenzo, per non insospettire l'amico arrivando a bordo dell'auto della Polizia