Gli sconvolgenti dettagli del caso del docente rinviato a giudizio. Dai video pornografici violenti con minori e animali a quaranta casi di palpeggiamenti a ragazzine
L'uomo era consigliere comunale e si è dimesso quando è stato arrestato, mentre la scuola di Canobbio dove lavorava lo ha licenziato. Incastrato a partire da un'operazione addirittura dell'FBI, ha confessato i suoi reati e sta già espiando la pena
Locarnese
BELLINZONA – È in carcere da maggio, anche se la Polizia aveva chiesto di non comunicarlo per poter indafare senza interferenze. Sono infatti molti e terribili i crimini di cui si sarebbe macchiato il 51enne docente rinviato oggi a giudizio per i reati di coazione sessuale ripetuta, atti sessuali ripetuti con fanciulli e pornografia dura.

Il suo nome avrebbe cominciato a circolare addirittura per merito dell'operazione internazionale condotta da FBI ed Europol attorno all'attività di un sito di scambio di materiale pedopornografico. L’uomo infatti, stando alle prime notizie circolate su RSI e Teleticino, diffondeva in rete video pornografici, dove si vedeva anche violenza sia su animali che su minori.

E a partire da lì si è arrivati a capire che il 51enne non si fermava li. Anzi. Dal 2002 al 2010 avrebbe compiuto una quarantina di palpeggiamenti alle parti intime a ragazzine di età inferiore ai 16 anni, sue allieve alle scuole professionali di Canobbio, ma anche persone conosciute nel suo ambito familiare.

Era consigliere comunale nel comune dove risiedeva, anche se il giorno seguente l’arresto ha dato le dimissioni ed è stato licenziato dalla scuola. Ha ammeso i fatti e sta già espiando anticipatamente la pena.


Pubblicato il 05.12.2017 22:46

Guarda anche

Locarnese
Nelle prossime ore sul Ticino passerà una perturbazione proveniente da ovest/sud-ovest che, sospinta da correnti tempestose, porterà aria marittima umida verso le alpi
Locarnese
Sui social la notizia ha animato dibattiti. Qualcuno si chiede come mai all'interno del locale ci fossero minorenni, e le porte di sicurezza erano chiuse, ma la maggior parte incolpa i giovanissimi, "il divertimento è tutta un'altra cosa". Non manca un tocco di razzismo
Locarnese
Il giovane ha fatto rifornimento a Losone "a scrocco", gli accertamenti hanno fatto emergere che la vettura che guidava era stata rubata il 2 dicembre in Italia. Si tratta di un italiano residente all'estero e senza fissa dimora, è stato preso in uno scantinato
Locarnese
L'uomo, docente nel circuito delle scuole professionali, era stato arrestato già ai primi di maggio. La Polizia aveva chiesto di tenere segreta l'indagine, che ora si è conclusa con il rinvio a giudizio e i pesantissimi capi d'accusa