Rapinò un distributore minacciando la dipendente con una pistola, arrestato un 30enne rumeno
L'uomo era entrato nel negozio con il viso scoperto e poi con la refurtiva era fuggito verso il confine. È stato fermato nel corso di un controllo delle Guardie di Confine due giorni fa mentre si trovava su un bus in entrata in Svizzera al valico di Chiasso Brogeda
Mendrisiotto
LIGORNETTO - Il Ministero pubblico, la Polizia cantonale e le Guardie di confine comunicano che è stato arrestato un 30enne cittadino romeno residente in Romania, presunto autore della rapina avvenuta il 09.05.2017 a Ligornetto in via Cantinetta presso un distributore di benzina con annesso negozio.

Il rapinatore, a viso scoperto ed armato di pistola, era entrato nel negozio ed aveva minacciato una dipendente facendosi consegnare il denaro in cassa.

Il 30enne, su cui pendeva un mandato di arresto internazionale del Ministero pubblico, è stato fermato nel corso di un controllo dalle Guardie di confine il 04.12.2017 mentre si trovava a bordo di un bus in entrata in Svizzera dal valico di Chiasso Brogeda.

Dopo l'interrogatorio da parte di agenti della Polizia cantonale è stato arrestato. L'inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico capo Nicola Respini

Pubblicato il 06.12.2017 12:16

Guarda anche

Mendrisiotto
L'idea parte dal presidente distrettuale del partito liberale, Alberto Valli, che ha già parlato con il sindaco di Chiasso e con diversi municipali della zona. "Probabilmente farò scrivere una lettera ai deputati momò. I problemi ai treni nascono dalla partnership con la Lombardia, perchè portarli a riparare a Castione?"
Mendrisiotto
Forse per un errore del navigatore, ha percorso un tratto di strada pedonale e poi, cercando di sterzare dove è impossibile, è rimasta ferma tra un muro e una piccola scala. Gli agenti della Polizia stanno cercando di capire come può intervenire il carro attrezzi senza eccessivi danni GUARDA LE FOTO
Mendrisiotto
La disavventura è accaduta a un 39enne domiciliato nel Mendrisiotto, che attorno alle 2.20 di questa notte stava andando da Morbio Superiore verso Caneggio. I soccorritori del SAM lo hanno soccorso e portato in ospedale
Mendrisiotto
Pesante il quadro ai danni del marito della sorella della donna uccisa e lasciata nei boschi di Rodero ormai più di un anno fa. L'uomo ha anche sottratto dei soldi alla SUPSI dove lavorava e deve rispondere di ripetuta appropriazione indebita e truffa