25 anni fa... L'UDC canta l'inno, Regazzi si arrabbia, il Numes chiede di aderire all'UE Video
Il 6 dicembre 1992 la Svizzera decideva di non aderire al SEE. "Una domenica nera", per la sinistra, per Chiesa "la miglior domenica che la Svizzera potesse augurarsi". Tra striscioni e canti, richiesta di dire basta al bilaterale fai da te, ognuno ricorda la data a modo suo
Svizzera
BERNA – 25 anni fa, la Svizzera prendeva una decisione fondamentale per il suo futuro, dicendo no all’adesione allo Spazio economico europeo (SEE).

Una ricorrenza che non poteva passare inosservata, a destra e a sinistra. L’UDC, ovviamente contrario, e che vuole ribadire ancora ora il ringraziamento a chi ha votato no e la necessità, a suo dire, di respingere un accordo quadro in cui le decisioni diventerebbero dell’UE e non più svizzere, ha inscenato una commemorazione a Palazzo Federale.

I deputati hanno infatti intonato l’inno sivzzero ed hanno appeso alcuni striscioni di ringraziamento. La sezione ticinese ha pubblicato sul suo profilo Facebook un video dove Marco Chiesa ricorda la storica data.

Una manifestazione che non è piaciuta a tutti. In particolare, Fabio Regazzi, pipidino, ha tuonato attraverso i social, chiedendo che certe cose avvengano sulle piazze e non in Parlamento. “Lo show improvvisato questa mattina dal Gruppo UDC nell'aula del Consiglio nazionale è stato inadeguato, oltre che contrario alle leggi sul Parlamento. Se questa prassi dovesse essere adottata anche in futuro, possiamo ben immaginare cosa succederebbe. La culla della democrazia, il nostro Parlamento non deve trasformarsi in una sorta di teatro per mettere in scena piazzate dal gusto discutibile e dalla chiara valenza propagandistica, come capita spesso di vedere in Paesi nemmeno troppo lontani”.

Per contro a sinistra il Nuovo movimento europeo svizzero (Numes) addirittura chiede l’adesione all’UE, ricordando il 6 dicembre 1992 come una domenica nera. “Pesante, complessa, incerta e statica, la via bilaterale non permette più alla Svizzera di concludere nuovi accordi di cui essa avrà grande bisogno (per quel che riguarda l’elettricità e i servizi finanziari, ad esempio). Numes auspica anche l’avvio di nuove discussioni a proposito di un’associazione della Svizzera all’UE. La questione della partecipazione della Confederazione all’elaborazione del diritto europeo non può essere posposta in eterno. Non dimentichiamoci che essa è un membro passivo dell’UE, senza nessun diritto di codecisione, nonostante sia fortemente integrata in quest’ultima attraverso più di cento accordi bilaterali”, si legge nella nota.

Per difendere meglio i propri interessi, “Numes rimane quindi convinto che la Svizzera difenderà meglio i suoi interessi diventando membro a tutti gli effetti dell’UE. Basta col fai da te bilaterale”.


Pubblicato il 06.12.2017 16:00

Guarda anche

Svizzera
Il Consiglio Federale ha deciso che la legge di applicazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, che prevede l'annuncio dei posti vacanti nei settori con più disoccupazione, entri in vigore il primo luglio 2018
Svizzera
Un sondaggio riportato dalla stampa domenicale parla di un sì che vincerebbe col 57% dei consensi, anche se il 60% delle persone sentite ritiene che la SSR sopravviverebbe e il 55% è soddisfatto delle trasmissioni. Il Ticino però non è stato preso il considerazione...
Svizzera
Chi si stabilisce nel paesino potrebbe aver diritto (se il Consiglio comunale dirà sì) a dei soldi, e la notizia ha fatto il giro del globo. Ci sono però delle clausole da rispettare, che su molti portali non sono state rispettate, facendo sì che il Comune sia subissato di email
Svizzera
Singolare iniziativa di una novantina di abitanti di un paese vallesano, che si sta spopolando: sono disposti a pagare 25mila franchi per ogni adulto che si trasferisce e 10mila per ogni bambino, però le condizioni sono ben precise. Il Consiglio comunale voterà a fine mese