"Donald, non ti vogliamo. Non abbiamo bisogno di pazzoidi arancioni". I socialisti chiedono di non far venire Trump in Svizzera
"Rappresenta sessismo, xenofobia, preclusione, negazione dei cambiamenti climatici e politiche economiche arretrate, è una minaccia per il progresso, per la sicurezza e per l'ambiente", si legge in una petizione oline che vorrebbe chiedere al Consiglio Federale di non farlo partecipare al Forum di Davos
Estero
BERNA - Donald Trump, quale presidente degli Stati Uniti, dovrebbe partecipare al prossimo Forum Economico di Davos. Ma il Partito socialista non lo vuole: lo ritiene una persona sgradita, e ha lanciato in merito una petizione, subito sostenuta dalla GISO, attraverso Internet.

La motivazione? Il sostegno del PS a persone "che sono impegnate in una società aperta, solidale e rispettosa dell'ambiente. In Svizzera e negli Stati Uniti".

Per contro, Trump per loro è rappresentato da termini negativi quali "sessismo, xenofobia, preclusione, negazione dei cambiamenti climatici e politiche economiche arretrate". Viene ritenuto "una minaccia per il progresso, la sicurezza e l'ambiente".

Da qui, la richiesta che non sia persona benvenuta in Svizzera, a cui hanno aderito quasi 800 persone. Poche, troppo poche affinchè abbiano qualche influenza. Nemmeno una massa di persone probabilmente avrebbe potuto cambiare nulla, dato che Trump è il presidente degli USA, prima potenza mondiale.

Ancor più duro e incisivo il testo dei Giovani Socialisti svizzeri:

"In Svizzera vale: We don’t grab by the pussy – e non abbiamo bisogno di pazzoidi arancioni.

Chiediamo quindi al Consiglio federale di non permettere l’entrata in Svizzera a Donald Trump, mostrando pubblicamente che non tolleriamo razzismo e sessismo. Non possiamo chiudere gli occhi di fronte alla proposta di costruire muri e a battute su guerre nucleari. Ecco perché chiediamo che il Consiglio federali mostri responsabilità politica e rispetto, non lasciando entrare Trump nel nostro paese.

Ecco perché vi incoraggiamo a dire pubblicamente a Donald che tutto ciò non è tollerabile e che la piccola Svizzera si opporrà a ciò".




Pubblicato il 10.01.2018 15:30

Guarda anche

Estero
La bravata è costata ad un dottore del nostro Cantone 600 euro di multa. Per la Polizia, una volta visto il contenuto del sacco gettato a terra nei pressi della discarica, è stato un gioco da ragazzi risalire a lui e consegnarli la sanzione di 600 euro, in linea con la campagna anti-rifiuti del sindaco
Estero
Il Ministro dell'Interno è nell'occhio dei ciclone per la questione migranti, ma non dimentica i vicini, "un Paese rigoroso che fa rispettare le sue regole. Per questo avremo particolari attenzioni su Como, potenzieremo gli organici delle forze dell'ordine della provincia"
Estero
In provincia di Bergamo, un maghrebino è stato azzannato dal cane della famiglia nella cui casa voleva rubare. Ma non è finita, perché ha deciso di andare in Polizia denunciando l'aggressione e i Carabinieri si sono visti costretti a portare avanti il caso. GUARDA IL VIDEO
Estero
Oscar Mazzoleni analizza il nuovo assetto governativo della Penisola. "È una coalizione inedita e eterogenea, l'autorevolezza di Conte come mediatore fra i due potenti vice-ministri è da dimostrare. Bruxelles, la BCE e i paesi europei sono preoccupati. I toni saranno sempre da campagna elettorale"