Che cos'è esattamente l'infedeltà giuridica? Quando un funzionario antepone i suoi interessi a quello dello Stato... il danno può essere anche far perdere fiducia nell'amministrazione
Il caso concreto di Basilea, giudicato dal Tribunale Federale: un capo Ufficio appalti del Dipartimento giustizia e sicurezza non permise allo Stato di far valere dei diritti di garanzia su un automezzo e fece credere a una ditta, con cui aveva problemi, che ci fossero starne prassi nell'assegnare i mandati
Politica
BELLINZONA – Tutti, dopo che Marco Bertoli lo ha ipotizzato come reato nel cado Argo, si chiedono che cosa sia l’infedeltà giuridica. Semplificando, è quando qualcuno antepone i suoi interessi rispetto a quelli dello stato per cui lavora e a cui dovrebbe dunque garantire il meglio. Ovvero, fare qualcosa per il proprio tornaconto, danneggiando per contro lo stato.

Il Tribunale Federale, il 28 novembre scorso con una sentenza non di principio, essendo stata emessa dal Tribunale nella composizione ordinaria di 3 giudici e non di 5 giudici, giudicò il capo dell'Ufficio appalti del Dipartimento di giustizia e sicurezza del Cantone di Basilea-Città.

Cosa aveva fatto? Fu cpoinvolto nell’acquisto di un Infomobile (ossia un furgoni per il posto comando mobile usati dalla polizia). Il funzionario ha fatto effettuare un lavoro in garanzia dalla ditta di fabbricazione affinché il veicolo rimanesse nella categoria B e non entrasse nella categoria camion (ha fatto semplicemente smontare dei pezzi per renderlo meno pesante). In questo caso, il danno allo Stato è stato non far valere i diritti di garanzia dell’acquirente (in questo caso il Cantone).

Poi ha favorito un’azienda rispetto a un’altra: l’è un episodio riguarda l'acquisto di 620 giubbotti di protezione per il corpo di polizia: ha chiesto a una ditta di inoltrare direttamente un'offerta, escludendone un’altra, con cui aveva problemi personali e facnedo cresdere ai dirigenti di quest’ultima che se avessero presentato l'offerta non avrebbe ottenuto la commessa e forse avrebbe perso anche futuri appalti cantonali. L’infedeltà giuridica sta nell’aver leso in maniera evidente gli interessi ideali del Cantone, lasciando intendere che vi fossero strane prassi nell'attribuzione dei mandati.

Il Tribunale afferma che il danno dal funzionario può essere causato non solo con un’azione bensì anche con un’omossione. Aspetto costitutivo del reato è l'esistenza di un negozio giuridico tra un ente pubblico e un privato (ossia un mandato o un appalto). La violazione degli interessi pubblici, a cui antepone i suoi, non sono solo materiali bensì anche ideali: un danno è anche far sì che la gente non creda più nell’amministrazione.

In teoria, fatti che potrebbero rispecchiare il caso Argo. Ma stabilire quando qualcuno eccede manifestamente nel suo potere di apprezzamento non è sempre semplice (ipotizziamo che potrebbe essere realmente commesso un errore e non qualcosa di fatto volutamente). Intanto, John Noseda indaga.


Pubblicato il 10.01.2018 19:10

Guarda anche

Politica
Prima ironizzano sulla scelta democentrista, "vogliono la botte piena e la moglie ubriaca", poi rimarcano l'importanza di "continuare a collaborare con l'UE coi bilaterali. Però la situazione sta diventando insostenibile per cui servono misure concrete, come salari minimi dignitosi"
Politica
Il Nuovo movimento europeo svizzero, come Modenini e Cattaneo, ritiene che un sì alle urne farebbe cadere i bilaterali. "La combatteremo, ma in ogni caso permetterà di chiarire la politica europea: se vincerà il no, i rapporti con l'UE si svilupperanno, sennò ci sarà un nuovo orientamento: e l'adesione..."
Politica
Il liberale, che è anche imprenditore, ritiene comunque che sia "un atto di chiarezza democratica. Il popolo dovrà dire se vale la pena sacrificare i bilaterali per la libera circolazione. Sono un buon compromesso, che ci hanno permesso di restare sovrani ma nel mercato dell'UE". E sul lavoro dice che...
Politica
L'azienda di Comano ha inserito nei rinnovi dei contratti la possibile disdetta in caso di passaggio di No Billag. Il leghista, "in questo modo mobilitano a fare campagna attiva i fornitori, per fortuna doveva essere un dibattito pacato... Però tutto è basato sulla teoria di Canetta&company della sparizione"