Canetta, "l'insidia sta nel titolo, che chiede di non pagare una tassa". Bühler e Quadri, "se siete così convinti, perché avete paura?"
Primo acceso dibattito televisivo sul tema, a TeleTicino, con ospite anche Lombardi. Il direttore della RSI ha sottolineato la chiusura certa e la perdita dei posti di lavoro, per il leghista "nessuno si è scandalizzato per altri licenziamenti", per il democentrista "è una bugia"
Economia
MELIDE – Dopo le polemiche dei Verdi, che accusavano due dei principali fautori del sì a No Billag, ovvero Alain Bühler e Lorenzo Quadri, di non voler andare a difendere la loro idea, sostenendo che non c’erano temi a favore della loro posizione, ecco il democentrista e il leghista a TeleTicino. I fautori dell’abolizione del canone andranno, hanno deciso, ai dibattiti televisivi (dunque, anche sulla RSI) ma non a quelli dei partiti.

Ieri sera si è partiti in campo “neutro”, se così si può dire, perché TeleTicino,  non è a rischio scomparsa in caso di vittoria del sì ma beneficia comunque del canone. A “I conti in tasca” di Alfonso Tuor,  ospite anche Maurizio Canetta, direttore dell’emittente di Comano. Egli ha iniziato parlando del gradimento del pubblico per la RSI,  e in Svizzera in generale per la SSR. L’insidia maggiore, a suo modo di vedere, sta nel titolo. “In pratica si dice loro di scegliere se non pagare una tassa, e in un periodo come questo, può essere allettante. Ma è uno specchietto per le allodole”.

Alain Bühler per contro gli ribatte che molti non guardano più la RSI: La SSR è un dinosauro che non vuole riconoscere di essere preistoria. La tecnologia ha fatto passi da giganti e le frequenze presto saranno inutili”. E lo scopo dell’iniziativa è “ridare la libertà al cittadino in ambito mediatico”. Fa inoltre notare che c’era un controprogetto con un canone a 200 franchi, il quale avrebbe potuto cambiare le sorti del voto, e non è stato accettato. Lorenzo Quadri ha ricordato come il canone sarà, se rimarrà, abbassato a365 franchi e questo comunque grazie a No Billag: col compromesso dei 200 franchi, forse avrebbe accettato di pagarlo.

“Ma non toccava a noi”, ribatte Canetta, convinto che la RSI non potrà sopravivvere all’eventuale perdita del 75% degli introiti, fattore contestato da Bühler: “la Svizzera è un paese innovativo, dire che la RSI chiude è una bugia”.

Per Filippo Lombardi, che con il gruppo TiMedia ha ovviamente interesse nel tema, il sistema attuale è già frutto di un compromesso. “I canone SSR viene ripartito sulle regioni, è una collaborazione tra pubblico e privato, che va affinata, ma è un sistema di partecipazione di tutti, e funziona. Per questo, reputo questa iniziativa "anti-Svizzera". Gli iniziativisti sono spinti anche da chi ha interessi pubblicitari e non mi piace”.

Comunque vada, dovrà esserci un cambiamento, punto su cui tutti concordano. "Indipendentemente dal risultato, la SSR - che è una televisione di Stato - dovrà reinventarsi: è rimasto a un modello di 80 anni fa, mentre ora siamo nell’era del digitale”, ha affermato Quadri. “Nessuno vieta di finanziare, in caso di vottia del sì, i singoli programmi, per esempio.  Grazie a tutti i finanziamenti, la realtà RSI si è gonfiata, e non tutto è servizio pubblico. Io ritengo si possa applicare il concetto stesso di servizio pubblico anche vivendo di soli abbonati”.

Canetta ha spiegato che è comunque necessario aprirsi di più al digitale.

Poi si sono affrontati due temi spinosi: la connotazione politica e i posti di lavoro. Il leghista ha affermato di non volere una tv né di destra né di sinistra ma imparziale, Lombardi ha sostenuto che “"essere di sinistra" è un problema del giornalismo in generale e non solo della SSR”, Canetta ha negato che non si dia spazio alla Lega.

E ha sottolineato come, votando sì, con un colpo di spugna si cancellerebbero le persone che oggi lavorano per la RSI, le loro competenze. Quadri lo ha rimbeccato facendo notare i posti di lavoro persi negli ultimi mesi, “per cui nessuno si è scandalizzati”.

Infine, i due fautori del sì si sono chiesti: “se la RSI è così sicura della sua posizione, perché teme questa votazione?”.



Pubblicato il 11.01.2018 09:30

Guarda anche

Economia
Nei contratti stipulati per l'anno in corso, la RSI ha inserito la clausola di una possibile disdetta in caso di sì alle urne, senza risarcimento danni. Il giro d'affari comprende comunicazione, viaggi, ristorazione, sino a pulizie, manutenzione, sicurezza, luce e gas, per citarne alcuni
Economia
Per Mordasini il direttore di TeleTicino "ha fatto bene a ribadire fortemente il suo no. Foa pensa sia più facile tenere il piede in due scarpe: pubblicare Tettamanti, Quadri e Righinetti per il sì e annunciare il no. Però dimezzare il personale vuol dire fare meno tv e meno bene"
Economia
Continuano le discussioni in merito a No Billag. La RSI ha reso noti i dati della fruizione dei servizi online, che fanno registrare quasi un play al secondo. Il direttore felice, "e gli showcase, che per Quadri non sono servizio pubblico, riempiono la sala e entusiasmano gli artisti"
Economia
Non vede di buon occhio che "numerose aziende, pur non beneficiando del servizio, debbano pagare il canone". Votare sì farebbe scomparire numerosi emittenti, "il che nuocerebbe alla qualità del servizio democratico". Per contro, "il monopolio della SSR non è più giustificato"