Canetta gongola e si rivolge a Quadri, "altro che dinosauri, guardate i risultati online!". Bignasca e il dialetto, "solo per raccattare voti"
Continuano le discussioni in merito a No Billag. La RSI ha reso noti i dati della fruizione dei servizi online, che fanno registrare quasi un play al secondo. Il direttore felice, "e gli showcase, che per Quadri non sono servizio pubblico, riempiono la sala e entusiasmano gli artisti"
Economia
COMANO – Ormai ogni notizia che viene resa pubblica in merito a RSI e radiotelevisione in generale ha un comun denominatore: No Billag. Promuovere in un modo o nell’altro la propria idea alla votazione, e se si parla della RSI, che vede il suo futuro minacciato, ancor di più.

Dunque, pubblicare i dati della fruzione dell’offerta online vuol comunicare che qualcosa sta cambiando, che la tv si sta evolvendo. E lo fa notare Maurizio Canetta, un po’ polemicamente e un po’ ironicamente, sul suo profilo Facebook, rivolto a Lorenzo Quadri.

“Sono usciti ieri i dati di ascolto della televisione per il 2017. Il dinosauro RSI (cit. Lorenzo Quadri), che i fautori dell’iniziativa No Billag vorrebbero cancellare, raggiunge con i programmi televisivi il 35 per cento dell’ascolto in prima serata e 25 milioni di “play” delle sue proposte audiovisive. Gli show case (“non è cultura, non è servizio pubblico”, cit. Lorenzo Quadri) riempiono lo studio 2 di Besso, ci sono giovani e meno giovani, gli artisti sono entusiasti.  “Quando vedo gli occhi felici del pubblico, sono felice perché collaboratori e collaboratrici della RSI hanno contribuito a dare un lampo di felicità alla gente. Anche questo è un compito del servizio pubblico. I promotori della No Billag vogliono cancellare questa felicità”, posta.

I dati dicono che i telegiornali locali vengono ancora visti da circa metà dei ticinesi. E si mette l’accento sugli ottimi risultati legati alle commedie dialettali, come quella dell’ultimo dell’anno. Qualcuno però insinua che la voglia di radici e di dialetto sia strumentale: parliamo di Boris Bignasca: “per il teatro dialettale invece stenderei un velo pietoso sull’atteggiamento di Comano: prima le hanno messe in naftalina e ora in chiave votazione vengono rimesse in programmazione per raccattare qualche voto...”

Quel che sicuramente alla RSI preme di più far notare sono i numeri relativi all’online. Se la tv tradizionale, ammettono, ha avuto una lieve flessione, comune agli anni dispari privi di eventi sportivi significativi (lo sport è ancora uno dei settori che porta più pubblico), app e social media hanno registrato nel 2017 circa un play al secondo, per un totale di 25 milioni di contenuti audiovisivi.

“La nostra televisione sta insomma riuscendo a completare con successo il passaggio a un futuro digitale che è già parte del nostro presente”, conclude enfaticamente la nota.


Pubblicato il 13.01.2018 11:43

Guarda anche

Economia
Nei contratti stipulati per l'anno in corso, la RSI ha inserito la clausola di una possibile disdetta in caso di sì alle urne, senza risarcimento danni. Il giro d'affari comprende comunicazione, viaggi, ristorazione, sino a pulizie, manutenzione, sicurezza, luce e gas, per citarne alcuni
Economia
Per Mordasini il direttore di TeleTicino "ha fatto bene a ribadire fortemente il suo no. Foa pensa sia più facile tenere il piede in due scarpe: pubblicare Tettamanti, Quadri e Righinetti per il sì e annunciare il no. Però dimezzare il personale vuol dire fare meno tv e meno bene"
Economia
Primo acceso dibattito televisivo sul tema, a TeleTicino, con ospite anche Lombardi. Il direttore della RSI ha sottolineato la chiusura certa e la perdita dei posti di lavoro, per il leghista "nessuno si è scandalizzato per altri licenziamenti", per il democentrista "è una bugia"
Economia
Non vede di buon occhio che "numerose aziende, pur non beneficiando del servizio, debbano pagare il canone". Votare sì farebbe scomparire numerosi emittenti, "il che nuocerebbe alla qualità del servizio democratico". Per contro, "il monopolio della SSR non è più giustificato"