Lo sapevi che... l'estate torrida alza la qualità dell'uva ma ne diminuisce la quantità? Consumatori di vino, attenzione!
La resa della vendemmia del 2017 è di 79 milioni di litri, meno del consumo medio svizzero che è di 100 milioni di litri (ed era già successo nel 2013, 2014 e 2015). Il caldo ha fatto anticipare la vendemmia, creando acini più piccoli e meno succosi ma con un elevato tenore di zucchero. Poca ma buona...
Svizzera
BERNA – Appassionati di vino, preoccupatevi! Se le credenze popolari e le voci erano ottimiste in merito alla vendemmia dello scorso anno, date le temperature più che calde, i dati sono impietosi: in Svizzera,  si è registrata una resa pari a 79 milioni di litri, toccando un livello mai così basso dal 1978 (il 27% rispetto all'anno precedente).

Addirittura, in Ticino si registra il 77% in meno, altro che vendemmia felice! Va detto che le cifre per la Svizzera tedesca sono peggiori, si parla di un meno 81%, per la Svizzera francese meno 72%.
Come mai? La vendemmia 2017 è stata influenzata dalle eccezionali gelate notturne di aprile, che hanno causato danni ingenti ai vigneti e da un’estate che si affianca a quelle del 2003 e del 2015 nella classifica delle estati più calde mai registrate dall'inizio delle misurazioni. Le condizioni climatiche estreme hanno avuto un impatto considerevole sulla vendemmia, spiega l’Ufficio Federale dell’Agricoltura.

Non è vero, dunque, che il caldo eccezionale ha aiutato, anzi: o meglio, ha dato una mano alla qualità e non alla quantità L'estate torrida e secca, la terza più calda dall’inizio delle misurazioni, da un lato ha ulteriormente ridotto la produzione, dall'altro ha consentito di anticipare la vendemmia e ha favorito la buona qualità delle uve. Ha causato un massiccio stress idrico tradottosi in acini più piccoli e meno succosi, ma con un elevato tenore naturale in zucchero. La qualità delle uve è pertanto risultata molto soddisfacente.

Quindi, uva buona ma in piccole quantità. Il consumo medio di vino in Svizzera è di 100 milioni di litri, e dunque la produzione non copre questo dato (nonostante la superficie viticola sia rimasta pressoché invariata), come già accaduto nel 2013, nel 2014, e nel 2015. Che fare, dunque? Se il clima non si può influenzare, gli amanti del vino devono preoccuparsi: il rischio è di dover diminuire il consumo pro-capite!


Pubblicato il 12.02.2018 12:15

Guarda anche

Svizzera
Un italiano che faceva parte del gruppo guidato dal comasco residente in Valle di Muggio fa notare che non aveva il localizzatore GPS, il telefono satellitare non funzionava e alla capanna non c'era nessuna riservazione. Un'altra domanda è quella sul numero di alpinisti che facevano parte della spedizione
Svizzera
In Svizzera, il 7,5% della popolazione è povero: ma spesso le persone escono da questa situazione nel giro di un anno o due. L'economista vedrebbe il reddito garantito a tutti, bocciato dal popolo, come un mezzo per contenere le oscillazioni economiche di periodi buoni e meno. "Ma sono fenomeni globali"
Svizzera
Lo scopo della riforma, votata dalle Camere nel 2016 dopo diverse divergenze fra Stati e Nazionale, ha lo scopo di eliminare la disparità di trattamento tra persone assoggettate all'imposta alla fonte e quelle tassate secondo la procedura ordinaria, che ora varrà anche per i frontalieri
Svizzera
La fotografia emerge da un rapporto di gfs.bern in merito ai giovani fra i 15 e i 24 anni. Non hanno fiducia nei media, che ritengono troppo sotto pressione, e ancor meno delle Istituzioni, si informano prevalentemente a scuola e trovano importante l'educazione civica