Arriva in bici, sega le sbarre della finestra, rompe il vetro, ruba e scappa. Come in un film... ma il 18enne rapinatore viene fermato
Un giovane cittadino italiano domiciliato nel Locarnese attorno alla 1 di questa notte ha compiuto un furto con scasso alla Posta di Gordevio. La Polizia lo ha fermato e in seguito arrestato: ora addirittura si dovrà verificare il suo coinvolgimento in altri casi analoghi
Locarnese
GORDEVIO - La Polizia cantonale e la Polizia Città di Locarno comunicano che questa mattina verso le ore 00.50 a Gordevio, presso i locali che ospitano La Posta, è scattato l'allarme scasso.

Sono quindi prontamente intervenute sul posto sia le pattuglie della Polizia cantonale che quelle della Polizia città di Locarno.

Quest'ultima ha fermato l'autore dello scasso, un 18enne cittadino italiano domiciliato nel distretto, mentre si apprestava a fuggire dalla finestra posteriore dello stabile.

Dai primi accertamenti il giovane è giunto sul posto con una bicicletta, ha segato le sbarre di una finestra per poi infrangere il vetro con un martello e accedere ai locali. A seguito della perquisizione fatta sulla persona sono stati rinvenuti diversi attrezzi da scasso.

L'inchiesta di polizia avviata dovrà appurare il suo coinvolgimento in altri casi analoghi.

Dopo la sua verbalizzazione il giovane è stato arrestato.

Pubblicato il 13.02.2018 11:27

Guarda anche

Locarnese
La polemica sul caso San Carlo ormai divampa e non basterà un secchio d’acqua per spegnere il fuoco. L’ex direttore sanitario della casa per anziani di Locarno, Gian Antonio Romano, ha scritto una durissima lettera aperta al Municipio, pubblicata oggi dal Caffè
Locarnese
Un 45enne del Locarnese deve rispondere di atti sessuali con fanciulli, con persone incapace di discernimento o inette a resistere per aver effettuato almeno cinque toccamenti a due bambine in vari luoghi, e per pornografia in relazione a dei materiali trovati nel suo computer
Locarnese
Nessuno ci aveva fatto caso, ma già dallo scorso anno la bandiera europea non viene più esposta a Locarno il 5 maggio. Se ne era discusso a lungo in Gran Consiglio, il leghista ha portato e fatto approvare (senza unanimità) la proposta per quanto concerne il Comune
Locarnese
C'è in corso una vertenza per una somma di 490mila franchi erroneamente accreditati al piccolo comune, che dopo aver acconsentito a restituirli ora si rifiuta, sostenendo che Locarno deve rivolgersi al Cantone, che avrebbe già stornato la somma. Ma a Bellinzona negano, e la lite prosegue