"Chi infrange la legge e mette in pericolo la nostra sicurezza e la vita delle persone non può e non deve restare impunito", Gobbi esulta per la sentenza su Christian R.
Il Consigliere di Stato si è sempre battuto affinché il pirata della strada germanico finisse dietro le sbarre, e sottolinea "la perseveranza e il gioco di squadra tra i servizi del mio Dipartimento con il tramite delle Autorità Federali": la sentenza emessa a Lugano sarà esecutiva
Cronaca
BELLINZONA – Christian R. andrà in carcere. Il Tribunale d’Appello del Baden-Württemberg ha ribaltato la prima sentenza del Tribunale di Stoccarda, che aveva deciso di non fargli scontare i 30 mesi, di cui 12 da passare effettivamente dietro le sbarre, e rende esecutivo quando deciso a Lugano. in contumacia.

Il 42enne pirata della strada aveva sbeffeggiato a lungo la Svizzera, mostrando la patente che ancora era in suo possesso.

Norman Gobbi da sempre si è battuto affinchè venisse punito, e ieri sera ha esultato su Facebook: “Ben fatto! La perseveranza e il gioco di squadra tra i servizi del mio Dipartimento con il tramite delle Autorità federali hanno dato i propri frutti: il pirata della strada tedesco che sfrecciò a folle velocità nel tunnel del Gottardo dovrà scontare un anno di carcere nel suo Paese. Così hanno deciso in Germania le autorità giudiziarie, dando così seguito alla sentenza ticinese. Chi infrange la legge e mette in pericolo la nostra sicurezza e la vita delle altre persone non può e non deve restare impunito!”.

Una dimostrazione, dunque, per il Consigliere di Stato, che chi sgarra in Ticino, mettendo a rischio la sicurezza, paga. E sottolinea l’attività del suo Dipartimento, che non ha mai abbandonato il caso.


Pubblicato il 26.04.2018 09:15

Guarda anche

Cronaca
Come d'abitudine, la Polizia ha reso note le posizioni dei controlli mobili della velocità per i giorni che vanno dal 28 maggio al 3 giugno
Cronaca
Le ricerche da parte della polizia per individuare il pilota del drone sono state subito avviate e questi è stato rintracciato presso la diga della Verzasca. Si tratta di uno svizzero 42enne domiciliato nel canton Lucerna verrà denunciato all'Ufficio federale dell'aviazione.
Cronaca
Da quando è stata introdotta la misura che è sempre stata contestata dall'Italia ("ma nessun cittadino si è mai opposto", afferma Gobbi), su 73'579 richieste ne sono state respinte 201, con una media di 6,8 permessi negati al mese. Se verrà firmato l'accordo fiscale, la richiesta cadrà
Cronaca
Il deputato dell'UDC pone l'attenzione su un problema che attanaglia tutti i ticinesi. "Viaggi da incubo, da Airolo a Chiasso c'è un cantiere che parta all'uscita del portale Sud e termina a Biasca, poi dopo Bellinzona le carreggiate si restringono, da Lugano in poi... Devono essere per forza tutti insieme e così lunghi?"