Via libera agli hangar. Il Cantone in teoria esulta, i privati prendono il volo?
Con 43 voti a favore e 11 contrari il Consiglio comunale di Lugano si è espresso sul credito, una tappa importante per l'aeroporto, cui erano legate molte speranze in seno alla LASA e l'appoggio cantonale. Ma la cordata di privati aveva espressamente chiesto che vincesse il no...
Luganese
LUGANO – Svolta nella crisi dell’aeroporto di Lugano: il Consiglio Comunale ha compiuto un passo importante e atteso, approvando il credito per i due hangar.

Con 43 voti favorevoli e 11 contrari, via libera dunque ai soldi per costruire i due hangar. Secondo la LASA, i privati chiederebbero infrastrutture simile, per cui vengono ritenuti utili per dare un futuro allo scalo. Inoltre il Cantone aveva di fatto legato il suo appoggio a Lugano Airport a questo credito, dunque da ora in poi ci si aspetta scenda in campo.

C’è un ma: una cordata di privati si era detta pronta a investire massicce somme, si parlava di 50 milioni fra aeroporto con altri hangar e un polo di aziende del settore, oltre a un hotel. Però si chiedeva di non far partire la costruzione, poiché darebbe fastidio al progetto. La Città aveva mediato spingendo per far votare comunque il credito, pensando che si sarebbe potuto affrontare il tema in un secondo momento. I privati saranno ancora interessati? Oppure l’aeroporto ce la farà da solo?


Pubblicato il 14.05.2018 22:15

Guarda anche

Luganese
Il direttore del MAT posta la copia del modulo di iscrizione della ragazzina. "È datato agosto 2016, mentre la festa al Temus e la lezione aperta di cui parla risalgono a dicembre 2015. Avrebbe potuto dire che non era per motivi politici bensì personali, al limite". Chiarita la lite con Galeazzi
Luganese
Il vulcanico imprenditore vuole aprire un orto didattico per anziani, disabili e bambini, ma il Municipio di Manno gli contesta una recinzione non sicura. "Non è neppure una recinzione, sono macchine agricole vecchie", si giustifica, arrabbiato e triste. "Sono disgustato, pago tutto di tasca mia"
Luganese
L'associazione cattolica chiarisce di essere "in regola col Codice di Diritto Canonico della Chiesa, non razzista né tantomeno omofoba" e propone due date per la manifestazione, il 28 luglio o il 4 agosto. "Motivazioni stringate del Municipio, che ci ha negato il permesso solo per motivi politici e ideologici"
Luganese
Dopo l'annuncio della bocciatura del piano alternativo del MAT, si è scatenata una diatriba social fra il suo direttore e alcuni membri dell'UDC, in particolare Galeazzi e la presidente. D'Urso le ha fatto rettificare la parte relativa alla moglie, ma in ogni caso ha deciso di adire per vie legali