Quelle chiamate al Telefono Azzurro, sintomo di bisogno. La data del 15 maggio è casuale? Nel poligono di tiro pare si inneggi all'estrema destra. Chi ha venduto le cartucce parla di un bravo ragazzo
Si continua a indagare a 360° sulla mancata strage alla Commercio: sarebbe avvenuta oggi, secondo quanto si sa. Il titolare del negozio che ha venduto 150 cartucce al giovane gli ha chiesto cosa ci facesse con la Parabellum, lui ha risposto di averla ereditata dal nonno e di andare allo stand di tiro a sparare
Bellinzonese
BELLINZONA – Avrebbe colpito oggi. Chissà quanti studenti, soprattutto quelli di terza, recandosi alla Commercio, oggi, ci hanno pensato. Gli esami per alcune classi sono stati rinviati, tanto è lo shock che rimane nei ragazzi. La notizia della sventata strage non è ancora stata assorbita.

Il loro compagno alla Clinica Psichiatrica di Mendrisio intanto a quanto pare piange e chiede dei genitori. Sarebbe stato egli stesso a svelare di essersi rivolto per un aiuto al Telefono Amico, nei giorni precedenti l’arresto, segno che aveva bisogno e non stava bene, contrariamente a quanto ha affermato il padre.

Ma oggi, esami a parte, sarebbe stata una data casuale? Si sta cercando, oltre al movente, di capirlo. Nel 1948, il 15 maggio è stato il primo giorno effettivo dello stato di Israele, nel 1974 ci fu lo storico massacro di Ma’alot, ma non ci sa se ci sia qualche aggancio. Il giovane leggeva il Mein Kampft, per cui nulla è da escludere. Secondo voci, il poligono di tiro dove andava a tirare esponeva vessilli nazisti e inneggianti anche al fascismo. Il 19enne oltretutto sarebbe stato morbosamente interessato agli autori delle stragi con armi in America.

A La Regione ha parlato il titolare del negozio di articoli di caccia e pesca dove ha acquistato 150 cartucce: 50 colpi per una calibro 45 e 100 per la ‘Parabellum’, un’arma che era usata dall’esercito elvetico e non è più in produzione da decenni. “Gli ho chiesto cosa ci facesse con la ‘Parabellum’. Mi ha detto che l’aveva ereditata dal nonno e andava a sparare allo stand di tiro. Ho fatto le verifiche, gli ho chiesto un documento di identità, era maggiorenne. Mi è sembrato un bravo ragazzo, posato, uno a posto”, ha detto.

Il ragazzo ha dovuto, come di prassi, firmare un foglio coi suoi dati. Il titolare del negozio ha spiegato che in caso di dubbi si chiede di vedere l’arma, se i sospetti sono forti si domanda il casellario giudiziario oppure non si vende niente. Non è stato il caso del 19enne, che si rivolgeva a quel negozio per la prima volta. Lo si può verificare del foglio che certifica che il Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata della Polizia cantonale ha autorizzato l’acquisto, obbligatorio se si vogliono comparare pistole, rivoltelle, carabine, fucili sia automatici sia a ripetizione, fucili a pompa o a leva. Una copia resta alle autorità, una a chi ha acquistato l’arma e una a chi l’ha venduta, e qui non ve ne sono.


Pubblicato il 15.05.2018 11:27

Guarda anche

Bellinzonese
Un giovane italiano residente nel Luganese stava circolando con la sua moto in via Vallone a Bellinzona quando ha perso il controllo del mezzo ed è caduto. Subito soccorso, le ferite riportate potrebbero metterne in pericolo la vita
Bellinzonese
Il 19enne avrebbe agito domani, durante gli esami mattutini delle classi terze. A un docente mercoledì ha scritto di essere stufo di essere considerato un allievo modello. Lui chiede di poter vedere i genitori, i quali affermavano che stesse bene, nonostante in diversi avessero notato un comportamento diverso
Bellinzonese
"Per l'eleganza e la posa col kalashnikov", ha detto lo psichiatra, riferendosi all'autore della strage di Oslo. Intanto, nell'abitazione sarebbe stata trovata una lettera che spiegava che cosa intendeva fare e martedì il 19enne sarebbe andato ad acquistare le munizioni
Bellinzonese
I compagni di classe del 19enne, i docenti e il personale amministrativo sono stati incontrati dal Consiglio Direttivo, ed è stato messo a disposizione un sostegno psicologico. Ma le autorità tranquillizzano. Il Ministro, "non voglio pensare a quello che sarebbe potuto succedere. La scuola funziona bene!"