Armato e mascherato semina il panico a Lugano. Ma stava semplicemente andando a vedere un film travestito da Deadpool... La Polizia interviene, equivoco chiarito
Un giovane, maggiorenne e luganese, girava per Lugano attorno alle 18 travestito dall'eroe della Marvel, simile all'Uomo Ragno, e ha fatto scattare la paura fra la gente che ha chiamato le forze dell'ordine. Dopo un fermo dell'amico con le maniere forti, si è capito che nessuno aveva cattive intenzioni
Luganese
LUGANO  - Volevano, a quanto pare, andare a vedere un film, e uno dei due si era travestito da Deadpool, al secolo fumettistico Wade Winston Wilson, scaturito pure dalla fantasia dei disegnatori della Marvel, un personaggio simile all’Uomo Ragno. E hanno rischiato di finire in manette.

L’incredibile vicenda è avvenuta a Lugano, attorno alle diciotto, in zona pensilina. I passanti hanno visto l’uomo mascherato, e si sono spaventati, pensando magari a qualche malintenzionato, soprattutto vedendo due pistole e uno spadone. Hanno così chiamato la Polizia.

Sul posto in breve tempo sono arrivate Cantonale e Comunale, che hanno spianato le armi e fermato a terra l’accompagnatore di Deadpool, come si fa coi criminali nei film. D’altronde, i due erano armati, ma ben presto si è capito che erano armi giocattolo.

L’equivoco è dunque stato chiarito, e i due hanno mostrati i documenti. Sono residenti nella zona  e maggiorenni, il travestimento non aveva nessuna cattiva intenzione, ha però colorato il pomeriggio luganese.


Pubblicato il 15.05.2018 23:10

Guarda anche

Luganese
Il direttore del MAT posta la copia del modulo di iscrizione della ragazzina. "È datato agosto 2016, mentre la festa al Temus e la lezione aperta di cui parla risalgono a dicembre 2015. Avrebbe potuto dire che non era per motivi politici bensì personali, al limite". Chiarita la lite con Galeazzi
Luganese
Il vulcanico imprenditore vuole aprire un orto didattico per anziani, disabili e bambini, ma il Municipio di Manno gli contesta una recinzione non sicura. "Non è neppure una recinzione, sono macchine agricole vecchie", si giustifica, arrabbiato e triste. "Sono disgustato, pago tutto di tasca mia"
Luganese
L'associazione cattolica chiarisce di essere "in regola col Codice di Diritto Canonico della Chiesa, non razzista né tantomeno omofoba" e propone due date per la manifestazione, il 28 luglio o il 4 agosto. "Motivazioni stringate del Municipio, che ci ha negato il permesso solo per motivi politici e ideologici"
Luganese
Dopo l'annuncio della bocciatura del piano alternativo del MAT, si è scatenata una diatriba social fra il suo direttore e alcuni membri dell'UDC, in particolare Galeazzi e la presidente. D'Urso le ha fatto rettificare la parte relativa alla moglie, ma in ogni caso ha deciso di adire per vie legali