Stop! Per la 'strada dei frontalieri' tutto fermo, bisogna regolarizzare delle autorizzazioni. Ritardo stimato? Un paio di mesi...
Il cantiere che dovrebbe facilitare il transito da Gaggiolo è fermo all'altezza del Baranzello e il sindaco di Arcisate ha fatto sapere che "i lavori sono temporaneamente sospesi" dato che "è emersa la necessità di regolarizzare le autorizzazioni che servono al completamento dell'opera"
Estero
GAGGIOLO – Il cantiere è fermo, deserto. Se ne sono accorti gli automobilisti che transitano, i quali si saranno chiesti che cosa sta succedendo e quanto dovranno aspettare per poter accedere finalmente a una delle cosiddette “strade dei frontalieri”, nella Valceresio. I lavori sono infatti interrotti all’altezza del Baranzello.

La Prealpina è andata a informarsi per scoprire cosa sta succedendo e emerge, ancora una volta, un problema di… permessi!  “I lavori sono temporaneamente sospesi” conferma il sindaco di Aarcisate Angelo Pierobon “perché è emersa la necessità di regolarizzare le autorizzazioni che servono al completamento dell’opera. Pensiamo che, per questo motivo, l’esecuzione dell’intervento subirà un ritardo di un paio di mesi”.

Il costo della realizzazione della strada è a carico di Rete Ferroviaria Italiana ed è di un milione di euro, con l’accordo della Regione Lombardia. Ora, tutto fermo. Augurandosi di non dover attendere le solite… calende greche!

Foto: la Prealpina


Pubblicato il 22.05.2018 14:52

Guarda anche

Estero
"Vivo sotto scorta da più di undici anni – dice lo scrittore –. Ho più paura a vivere che a morire così"
Estero
La bravata è costata ad un dottore del nostro Cantone 600 euro di multa. Per la Polizia, una volta visto il contenuto del sacco gettato a terra nei pressi della discarica, è stato un gioco da ragazzi risalire a lui e consegnarli la sanzione di 600 euro, in linea con la campagna anti-rifiuti del sindaco
Estero
Il Ministro dell'Interno è nell'occhio dei ciclone per la questione migranti, ma non dimentica i vicini, "un Paese rigoroso che fa rispettare le sue regole. Per questo avremo particolari attenzioni su Como, potenzieremo gli organici delle forze dell'ordine della provincia"
Estero
In provincia di Bergamo, un maghrebino è stato azzannato dal cane della famiglia nella cui casa voleva rubare. Ma non è finita, perché ha deciso di andare in Polizia denunciando l'aggressione e i Carabinieri si sono visti costretti a portare avanti il caso. GUARDA IL VIDEO