Contagio da epatite C, nuovo atto atto d'accusa contro l'Ente Ospedaliero
"L'Ente ospedaliero cantonale ha violato la norma Iso, rispettivamente e comunque la legge sanitaria cantonale". È quanto recita il nuovo atto d’accusa nei confronti dell'Ente ospedaliero cantonale, colpevole di non aver identificato il responsabile del contagio di epatite C di tre pazienti nel dicembre 2013
Sanità
LUGANO – "L'Ente ospedaliero cantonale ha violato la norma Iso, rispettivamente e comunque la legge sanitaria cantonale". È quanto recita il nuovo atto d’accusa nei confronti dell'Ente ospedaliero cantonale, colpevole di non aver identificato il responsabile del contagio di epatite C di tre pazienti nel dicembre 2013.

La sentenza di condanna (reato di lesioni colpose gravi per carenza organizzativa interna e multa di 60’000 franchi ), emessa il 21 novembre 2016, contro l'EOC – ricorda la Regione – era stata cassata dalla Corte di appello e revisione penale dopo il ricorso del nosocomio, difeso dai legali Mario Molo e Mattia Tonella.

Novità anche per quanto riguarda il processo. A rappresentare la pubblica accusa non sarà più John Noseda, in quanto prossimo alla scadenza del mandato, ma molto probabilmente il nuovo Procuratore generale Andrea Pagani.

Il processo, con un nuovo giudice, si svolgerà davanti alla Pretura penale di Bellinzona.

Il quotidiano bellinzonese anticipa che i pazienti contagiati da epatite C, nel frattempo guariti, saranno rappresentati in aula dagli avvocati Stefano Pizzola, Tuto Rossi e Rossano Bervini.

Pubblicato il 26.05.2018 13:05

Guarda anche

Sanità
I vertici dell'ospedale del cuore soddisfatti. Il direttore sanitario Prof. Tiziano Moccetti: "Enorme riconoscimento all'impegno clinico e scientifico per il nostro istituto"
Sanità
Secondo i dati statistici, in Svizzera soltanto un quinto delle persone affette da HIV ne è consapevole e sono circa 3mila quelle che non sanno di aver contratto il virus
Sanità
Il Civico si è autodenunciato. L'uomo era stato operato il giorno prima della tragedia e veniva controllato ogni due ore. "Dipende dal tipo di intervento e dalle condizioni generali del paziente: le verifiche spettano al team medico e/o infermieristico", spiega il dottor Majino-Hurst
Sanità
In un lungo messaggio, gli organizzatori della serata sono tornati sull'entusiasmo che si è respirato, "chi ha occhi per vedere non può avere dubbi. La battaglia non è contro l'EOC". Il deputato interviene, "su che base il Governo fa da mediatore. E il tema non è nato oggi, tre anni fa Giudici..."