Un terzo del Ticino a vedere la Formula E. "A Lugano stiamo sbagliando: per il Pride 3'500 persone, alla Notte Bianca 28mila. Che fine ha fatto XCat?"
La gara automobilistica svoltasi oggi a Zurigo ha acuito i rimpianti per la Città che non è riuscita a portarla sulle rive del Ceresio. Tiziano Galeazzi: "si vede che manca un vero management per gli eventi coordinati tra pubblico, enti turistici, di settore e privati, per manifestazioni di respiro internazionale"
Luganese
LUGANO – Ha vinto Lucas Di Grassi, ma per il turismo questo conta poco, è una notizia per gli appassionati di sport. Ciò che più conta è che la Formula E, ovvero le gare con auto elettriche, di scena a Zurigo, è stata un successo. Oltre 100mila persone hanno assistito all’evento. E se dopo la gara di Roma già Lugano si poteva mangiare le mani per non essere riuscito a metterle (le mani, sempre) sulla manifestazione, ora che si è visto che il successo è stato replicato anche in Svizzera, per molti il rammarico è doppio.

Massimo Suter in un post lo ha fatto capire, Tiziano Galeazzi rincara la dose. La tesi è che Lugano stia sbagliando sulla scelta degli eventi da proporre. Essi, aggiungiamo, automaticamente dovrebbero portare turismo in città e dare una mano anche ai commercianti e ai ristoratori.

"Per la Formula E a Zurigo sono attese 150'000 persone, circa 3 volte l'intera grande Lugano!”, postava il democentrista (poi sono state oltre 100mila). In pratica, un terzo del Ticino!

“Ancora una volta la dimostrazione che a Lugano manca un vero management per gli eventi coordinati tra pubblico, enti turistici, di settore e privati, una mente che possa pianificare e realizzare eventi o altro, di grande richiamo nazionale e internazionale”, prosegue.

“Penso che la Formula E pare sia l'esempio. Anche gli X-Cat (gara di motoscafi sul Ceresio) ,come mai non sono più arrivati a Lugano? Cos'è successo dietro le quinte? Chi non li ha più volute?”. In effetti, avevano portato circa 25mila persone l’anno scorso.

Poi affonda: “il giorno della  Pride a Lugano, (ca 3'500 persone) la sera a Locarno (notte bianca) vi erano ca. 28'000 persone...una riflessione è d'obbligo in città”. Insomma, non contesta il Pride in sé, ma ritiene che “Lugano merita di più e stiamo sbagliando”. Vorrebbe manifestazioni di respiro internazionale a Lugano.


Pubblicato il 10.06.2018 22:34

Guarda anche

Luganese
Blitz della polizia in tre cantieri edili ad Agno, Collina d'Oro e Lugano. La posizione degli operai verrà chiarita nei prossimi giorni dall'Ufficio dell'Ispettorato del lavoro
Luganese
Il direttore del CDALED Laurent Kocher: "Capisco la loro reazione, ci siamo limitati ad avvertire solo il Cantone". In coro anche il presidente Francesco Gandolla: "Non possiamo fare miracoli, succede"
Luganese
Seo Arigoni: "In alcune discoteche i giovani hanno il tavolo con lo champagne. Lo spirito del Tra ti fa sentir bene indipendentemente da chi tu sei o dal vestito che porti, e questo ha fatto sì che in molti si affezionassero al luogo. Sabato sera verrà presentato un CD, è l'occasione per quattro chiacchiere"
Luganese
La moglie del gerente del locale ancora non si capacita del motivo dell'irruzione. "Ci hanno detto che era un controllo campione", spiega, mentre nel comunicato di Polizia si diceva altro… "Siamo alternativi? Dipende cosa si intende con questo termine. Vorremmo parlare coi delegati di quartiere"