And the winner is… Un medico non "brilla" per furbizia: getta i rifiuti e vi lascia la targa del suo vecchio studio. Ticinese multato a Saltrio
La bravata è costata ad un dottore del nostro Cantone 600 euro di multa. Per la Polizia, una volta visto il contenuto del sacco gettato a terra nei pressi della discarica, è stato un gioco da ragazzi risalire a lui e consegnarli la sanzione di 600 euro, in linea con la campagna anti-rifiuti del sindaco
Estero
SALTRIO – Non solo getta i rifiuti dove non dovrebbe, ma lascia anche una traccia inequivocabile. E il tutto gli costa 600 euro di multa!

Un medico ha infatti buttato il sacco dei rifiuti nei pressi della discarica del paese della Valceresio, convinto di averla fatta franca. Peccato per lui che fra quel che ha gettato ci fosse… l’insegna del suo vecchio studio!

È stato così un gioco da ragazzi per i poliziotti risalire a lui e recapitargli la sanzione di 600 euro.

La curiosa vicenda è stata riportata dalla Prealpina, dove il sindaco di Saltrio ha fatto sapere che sta conducendo una campagna contro chi getta i rifiuti dove non dovrebbe.



Pubblicato il 12.06.2018 15:54

Guarda anche

Estero
"Vivo sotto scorta da più di undici anni – dice lo scrittore –. Ho più paura a vivere che a morire così"
Estero
Il Ministro dell'Interno è nell'occhio dei ciclone per la questione migranti, ma non dimentica i vicini, "un Paese rigoroso che fa rispettare le sue regole. Per questo avremo particolari attenzioni su Como, potenzieremo gli organici delle forze dell'ordine della provincia"
Estero
In provincia di Bergamo, un maghrebino è stato azzannato dal cane della famiglia nella cui casa voleva rubare. Ma non è finita, perché ha deciso di andare in Polizia denunciando l'aggressione e i Carabinieri si sono visti costretti a portare avanti il caso. GUARDA IL VIDEO
Estero
Oscar Mazzoleni analizza il nuovo assetto governativo della Penisola. "È una coalizione inedita e eterogenea, l'autorevolezza di Conte come mediatore fra i due potenti vice-ministri è da dimostrare. Bruxelles, la BCE e i paesi europei sono preoccupati. I toni saranno sempre da campagna elettorale"