"Se Lisa è colpevole, lo sarebbero tutti coloro che hanno provato a alleviare le sofferenze dei profughi". Chiesta la cittadinanza onoraria di Como
Una trentina di consiglieri comunali ha inviato la richiesta al sindaco, in segno di solidarietà dopo il decreto d'accusa che ha colpito la deputata, che scrive: "sono intimorita dall'onore che mi fate"
Estero

COMO – 30 firme di consiglieri comuali comaschi, per chiedere che Lisa Bosia Mirra diventi cittadina onoraria di Como, a fronte del suo impegno per i profughi. La prima firmataria, Celeste Grossi, in un lungo testo inviato al sindaco Lucini, critica duramente il decreto d’accusa ricevuto dalla deputata, e chiede che venga accolta la sua richiesta in segno di solidarietà.

"Io non trovo le parole per ringraziare Celeste Grossi, Luigi Nessi e gli altri consiglieri comunali di Como per questo gesto di attestazione di stima nei miei confronti e nei confronti del lavoro dei volontari di Firdaus. Mi sento intimidita per l'onore che mi hanno fatto, troppo grande per me", ha scritto su Facebook Lisa Bosia Mirra.

Ecco il testo di Celeste Grossi:

"Il 12 aprile, in un Tribunale svizzero il pubblico ministero ha chiesto la condanna di Lisa Bosia Mirra, deputata del Gran Consiglio del Canton Ticino, per avere facilitato l’immigrazione. Un’accusa assurda che certamente sarà rigettata nel dibattimento. Un’accusa che ferisce tutte e tutti i cittadini di Como che la scorsa estate hanno abbracciato le ragazze, i ragazzi, le bambine e i bambini, accampati sul prato della Stazione San Giovanni. Se fosse colpevole Lisa Bosia Mirra sarebbero colpevoli anche quelle donne e quegli uomini che, come lei, hanno cercato di dare sollievo alle sofferenze dei migranti accampati alla Stazione San Giovanni, che grazie a Firdaus, hanno mangiato per giorni, in attesa che la città, che si è tardivamente e colpevolmente scoperta di frontiera, si organizzasse.

Come Lisa Bosia Mirra siamo colpevoli perché come lei pensiamo che non possa esserci legalità se non c’è giustizia. Come Lisa Bosia Mirra siamo colpevoli perché crediamo che se una persona viene lesa nei sui diritti è tutta l’umanità che è attaccata e tutti e ciascuno devono intervenire per aiutarla.
Esprimiamo piena solidarietà all’esponente del Gran Consiglio ticinese che ancora ringraziamo per tutto ciò che ha fatto nella nostra città e per aver aiutato anche noi a restare umani. Ricordiamo che Lisa Bosia Mirra ha ricevuto assieme a Don Giusto della Valle, il premio svizzero "Alpes ouvertes", «per aver fornito regolarmente pasti caldi ai rifugiati nel parco di Como con l’aiuto dei volontari della sua associazione Firdaus e aver documentato la cacciata dei profughi ed averli accompagnati alla frontiera italo-svizzera».

In questo momento in cui si attacca Lisa Bosia Mirra per contrastare chiunque lotti per i diritti umani, chiediamo al Sindaco del Comune di Como di far sentire forte la solidarietà della città e che venga riconosciuta a Lisa Bosia Mirra la cittadinanza onoraria di Como"

 



Pubblicato il 21.04.2017 10:32

Guarda anche

Estero
Il noto youtuber si concentra sulle condizioni delle strade, filmandone una in Provincia di Milano, una principale. I rifiuti ai bordi sono di ogni genere, e lui si indigna, "se fossimo stati a Napoli, lo mostravano a tutti i tg. Non ho più parole, vomitevole". GUARDA IL VIDEO
Estero
Il cantiere che dovrebbe facilitare il transito da Gaggiolo è fermo all'altezza del Baranzello e il sindaco di Arcisate ha fatto sapere che "i lavori sono temporaneamente sospesi" dato che "è emersa la necessità di regolarizzare le autorizzazioni che servono al completamento dell'opera"
Estero
Due giorni dopo il primo torico evento LGTB in Città, il Circolo Partito della famiglia di Seriate, con la collaborazione di altri enti, organizza presso la chiesa del convento dei Frati Cappuccini un'adorazione di riparazione. Angeloni: "si condanna implicitamente chi partecipa al Pride, andando contro le parole del Papa"
Estero
La strada è chiusa da quando, il giorno di Pasqua, una frana è costata la vita a due ticinesi. Si sono riuniti autorità politiche, ANAS e ARPA per parlare della messa in sicurezza temporanea e dei lavori previsti da anni che dovrebbero partire fra un anno. La riapertura aiuterà anche il turismo