LIA, per salvarla si potrebbe snellire. Però intanto la tassa è stata riscossa...
Gli artigiani reclamano contro la riscossione dei soldi per l'iscrizione all'albo per il 2018, nonostante ci siano discussioni in corso su come agire. La proporzionalità delle misure è un punto critico, per risolvere si potrebbero escludere alcune professioni
Politica
BELLINZONA – Salvare la LIA? Si potrebbe, con una cura… “dimagrante”. Il cosiddetto albo dei padroncini non è mai piaciuto agli artigiani, e ci sono una ventina di ricorsi pendenti, oltre a raccolte firme. La scossa decisiva è arrivata da una sentenza del TRAM a favore di un’azienda del Sopraceneri, a cui è stato riconosciuto che iscriversi all’albo fosse eccessivo in relazione al tipo di lavoro svolto.

Ed ora? Zali non aveva eslcuso di dover addirittura abbandonare il progetto. E potrebbe essere una delle opzioni.

Oppure si potrebbe, riporta il Corriere del Ticino di oggi, cambiare qualcosa. Il Consiglio di Stato non sta lasciando nulla di intentato e ha richiesto una perizia interna e una esterna. Quest’ultima, appena consegnata, ha rilevato in particolare delle criticità per quanto concerne la proporzionalità delle misure (quello che si contestava nella sentenza che ha fatto scattare l’intero processo).

"È verosimile che una soluzione che permetta di rendere compatibile la legge con il diritto superiore possa essere ricercata – oltre che in una migliore definizione dell’interesse pubblico e delle categorie assoggettate – in una procedura meglio architettata”, è la conclusione. Come? "In base a quanto emerso fino ad oggi, occorrerebbe valutare se non snellire per quanto possibile le procedure, eventualmente escludere determinate categorie dall'obbligo di iscrizione o semplificare gli obblighi per queste professioni, eventualmente sul modello delle leggi federali".

Agli artigiani non è andato giù nemmeno il fatto che la Commissione incaricata del controllo abbia già riscosso la tassa per il 2018, ben sapendo che non è detto che rimanga in vigore (o forse, proprio per quello…). Anche il Governo ha fatto notare come i fondi necessari per i controlli ci fossero senza dover andare a bussare subito per la tassa.

Insomma, la LIA è nata male e continua peggio, tra le proteste.


Pubblicato il 13.01.2018 17:49

Guarda anche

Politica
Prima ironizzano sulla scelta democentrista, "vogliono la botte piena e la moglie ubriaca", poi rimarcano l'importanza di "continuare a collaborare con l'UE coi bilaterali. Però la situazione sta diventando insostenibile per cui servono misure concrete, come salari minimi dignitosi"
Politica
Il Nuovo movimento europeo svizzero, come Modenini e Cattaneo, ritiene che un sì alle urne farebbe cadere i bilaterali. "La combatteremo, ma in ogni caso permetterà di chiarire la politica europea: se vincerà il no, i rapporti con l'UE si svilupperanno, sennò ci sarà un nuovo orientamento: e l'adesione..."
Politica
Il liberale, che è anche imprenditore, ritiene comunque che sia "un atto di chiarezza democratica. Il popolo dovrà dire se vale la pena sacrificare i bilaterali per la libera circolazione. Sono un buon compromesso, che ci hanno permesso di restare sovrani ma nel mercato dell'UE". E sul lavoro dice che...
Politica
L'azienda di Comano ha inserito nei rinnovi dei contratti la possibile disdetta in caso di passaggio di No Billag. Il leghista, "in questo modo mobilitano a fare campagna attiva i fornitori, per fortuna doveva essere un dibattito pacato... Però tutto è basato sulla teoria di Canetta&company della sparizione"