5 mag 2013 - 12:01

In un giorno come questo, 35 anni fa, Silvio Berlusconi presa la tessera della Loggia massonica P2, era il 5 maggio 1978 (almeno stando alla favola di Paolo Rossi). Il comico milanese presentò questa sua favola nel programma “Su la Testa”, condotto da lui e da Cochi Ponzoni (celebre compagno di Renato Pozzetto nella celebrata coppia “Cochi e Renato”, che era assente dalla televisione da molti anni e proprio con Paolo Rossi firma il suo ritorno in video, sulla terza rete Rai). Siamo nell’autunno 1992, la satira in tv conosce una delle migliori stagioni, con programmi come “Tunnel” ed “Avanzi” (entrambi condotti da Serena Dandini con Corrado Guzzanti), “Su la Testa”, “Celito Lindo” (con Claudio Bisio), “Porca miseria” (quiz ironico-satirico condotto da Fabio Fazio, Bruno Gambarotta e Patrizio Roversi) e tanto altro. Questa stagione di “libertà creativa” per gli autori televisivi è sicuramente dovuta al fatto che proprio in quegli anni il potere politico in Italia è profondamente in crisi a seguito di “Mani pulite” di Gerardo D’Ambrosio e Gherardo Colombo da una parte, e dall’altra grazie al gruppo dirigente di Raitre, con Angelo Guglielmi e Bruno Voglino, che sapranno più di chiunque altro innovare il linguaggio televisivo. Poi nel 1994 Silvio Berlusconi “scenderà in campo” (Paolo Rossi non può immaginarlo in questo sketch) e la “normalizzazione” della televisione sarà uno degli obiettivi politici, perseguito a destra quanto a sinistra da D’Alema.