3 ott 2011 - 20:32

di Alvaro Ograbek, candidato al Consiglio nazionale per Gioventù Socialista Grigioni

In futuro l’energia atomica in Svizzera dovrebbe appartenere alla storia. Questa è una notizia confortante. Grazie alla mozione approvata ultimamente in Consiglio degli Stati c’è finalmente una base giuridica per il divieto di questa tecnologia estremamente pericolosa. Nonostante ciò i partiti borghesi continuano però a rendere impossibili gli investimenti da parte della Confederazione nelle energie rinnovabili e nelle misure di efficienza energetica. Questi investimenti non andrebbero solo a favore dell’ambiente, bensì creerebbero migliaia di nuovi posti di lavoro e darebbero così una nuova spinta all’economia svizzera. Con il loro fare, i parlamentari borghesi hanno di nuovo esaudito i desideri di chi li finanzia – le lobby energetiche e dei grandi produttori di energia – i quali massimizzano i propri profitti a scapito dell’ambiente.

È giunto il momento di una politica più coerente, la quale tenga conto soprattutto degli interessi dell’ambiente e delle persone. Chi desidera una politica tale, il 23 ottobre voti Gioventù Socialista (GS) Grigioni, Lista 6.

Alvaro Ograbek, candidato al Consiglio nazionale per Gioventù Socialista Grigioni