Cronaca
25.02.2021 - 14:180

Il Ticino ha passato la fase più critica ma non si abbassi la guardia. Da inizio febbraio un solo contagio in case per anziani

Dal 1o marzo, oltre alle aperture dei negozi, musei e altre attività, verrà innalzato il limite di partecipanti alle celebrazioni religiose, funerali e matrimoni religiosi a 50 persone, ma resteranno chiusi i locali erotici

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha incontrato oggi la Cellula sanitaria per un aggiornamento reciproco sulla situazione epidemiologica in Ticino e sull’avanzamento della campagna di vaccinazione.

Alla luce delle decisioni della Confederazione, il Governo ha adattato le disposizioni in vigore a livello cantonale e deciso che – a partire dal 1. marzo – la campagna di sensibilizzazione «Distanti ma vicini» cambierà colore, passando dall’attuale rosso all’arancione. Un passaggio che esprime l’uscita dalla situazione più critica, ma al contempo la necessità di rimanere vigili per evitare un ritorno a una nuova fase rossa.

Il Consiglio di Stato ha preso atto che in Ticino il quadro epidemiologico si mantiene stabile: il numero di nuovi contagi è relativamente contenuto, con una pressione sensibilmente ridotta sul nostro sistema ospedaliero. Le persone ricoverate per coronavirus restano sotto le 80. Va inoltre segnalata la situazione sensibilmente migliorata nelle case per anziani: dall’inizio del mese di febbraio è stato segnalato un solo nuovo contagio.

Il Governo ha allineato oggi le disposizioni in vigore sul territorio cantonale alle decisioni prese ieri dalla Confederazione e che entreranno in vigore il 1. marzo. Oltre alle aperture dei negozi, musei e altre attività, verrà innalzato il limite di partecipanti alle celebrazioni religiose, funerali e matrimoni religiosi a 50 persone. Come finora, rimarranno invece chiusi i locali erotici e rimarrà in vigore il divieto di esercitare la prostituzione.  

Per quanto riguarda invece l’avanzamento della campagna di vaccinazione in Ticino, come annunciato martedì, sono state aperte le iscrizioni per la categoria degli «over 75», mentre a breve si potrà procedere con le somministrazioni per la fascia degli «over 80» che era rimasta in lista d’attesa nei Comuni. Al momento sono 12'019 le persone che nel nostro Cantone hanno già completato la vaccinazione (primo e secondo trattamento), per un totale di 35'508 dosi somministrate.

Considerati gli allentamenti previsti dal Consiglio federale e l’uscita dalla fase critica della seconda ondata, il Consiglio di Stato ha infine deciso di adeguare la campagna di sensibilizzazione «Distanti ma vicini»: a partire dal 1. marzo, al posto dell’attuale colore rosso i messaggi delle autorità cantonali saranno accompagnati dal colore arancione.

Questo passaggio esprime la fine di una situazione critica e, al contempo, richiama i cittadini alla necessità di rimanere vigili. Il Governo ricorda infatti che la situazione rimane delicata e fragile, e che la presenza di varianti del virus impone a tutta la popolazione di continuare ad attenersi scrupolosamente alle raccomandazioni di comportamento e alle disposizioni cantonali e federali.

© 2021 , All rights reserved