Economia
14.09.2020 - 17:200

Progetto "Signal", due colossi che si uniscono ma tagliano il 10-12% dei posti di lavoro

Secondo indiscrezioni, UBS e Credit Suisse avrebbero intenzione di divenire un'unica banca nel 2021, anche se le parti interessate smentiscono. Ci sarebbero forti ripercussioni sugli impieghi

BERNA – Clamoroso, due delle banche maggiori della Svizzera potrebbe fondersi e divenire una sola. Il progetto ha anche un nome in codice, “Signal”, e secondo quanto emerso oggi da una notizia riportata dal blog Inside Paradeplatz, specializzato in informazioni finanziarie.

A fondersi sarebbero UBS e Credit Suisse, le cui azioni, dopo la diffusione dell’indiscrezione, hanno fatto registrare dei rialzi.

Si parlerebbe della fine del 2021 per la nascita della nuova banca, sebbene i diretti interessati ora smentiscano.

La fusione comunque rischierebbe di avere delle forti ripercussioni sui dipendenti, perché potrebbe esserci un ridimensionamento del personale addirittura del 10-12%. I due istituti di credito contano insieme 120mila impiegati, di cui 35mila in Svizzera.

© 2020 , All rights reserved